Archivi tag: STRATEGIA MARKETING PROBLEM SOLVING

La fiducia è moneta.

La fiducia è moneta. La cerchiamo. La guadagniamo. La spendiamo.

Come può uno storyboard aiutare i narratori a creare storie importanti? Come può aiutare a creare la fiducia del brand che diventa la moneta che stiamo cercando, che guadagniamo e che, poi spendiamo?

LA FIDUCIA È MONETA.
LA FIDUCIA È MONETA. Sei in grado di creare una storia che crea fiducia?
Photo credit: Christopher Campbell 

Per sviluppare il suo primo film di animazione Biancaneve, nei primi anni ’30, Walt Disney inventò la tecnica dello storyboard.

Lo storyboard gioca un ruolo fondamentale per sviluppare, per
rendere precisi i caratteri, la credibilità e, in generale, lo scopo e la risonanza di ogni grande storia.

Uno storyboard è un processo formale indispensabile per riuscire ad avvicinarsi al proprio pubblico, per conoscere le persone che vogliamo coinvolgere, prima di coinvolgerle.

E un grande contenuto inizia sempre con storie fantastiche e grandiose e ogni storia inizia con una riflessione profonda e un intento strategico.

Puoi già immaginare il tuo pubblico come un eroe all’interno di un viaggio da eroe. Iniziamo sempre con il cliente al centro di
qualunque cosa.

Nel suo libro, The Hero with A Thousand Faces, L’uomo dai mille volti, Joseph Campbell ci ha presentato  Il viaggio di un eroe.

E voi conoscerete già tanti viaggi di eroi:
Star Wars, Il mago di Oz, The Matrix per non citare Harry Potter.
Ci piace adattare il viaggio dell’eroe ai tuoi clienti.

L’eroe è il tuo cliente.

Immagina il viaggio del tuo cliente e come vive ogni giorno.
Quali sfide affronta? Cosa chiede? Dove trova le risposte?
Come puoi aiutarlo a diventare l’eroe nella sua storia?
Usiamo queste risposte per ispirare le tue storie.

Il pubblico ha il controllo delle proprie esperienze
che accadono con o senza di te.

Le storie più coinvolgenti sono influenti.

Lasciano un impatto e incitano all’azione.
Attraverso un buon storyboard, Airbnb ha appreso
le esigenze individuali, le aspettative e
aspirazioni del suo pubblico (ospiti e ospitanti).

Per arrivarci, noi marketer insieme ai narratori
non ci fermiamo solo a conoscere l’eroe dei nostri clienti ,
ma vogliamo anche capire cosa amano, quali siano i loro
bisogni espressi e latenti, ricerchiamo, ciò che ha valore per loro e quali siano i loro processi decisionali

Ci sono sei tendenze comportamentali del cliente che noi marketer teniamo sempre presenti.

  1. Se non diversamente progettato, ogni contenuto è momentaneo
  2. Ogni oggetto può e sarà ricercato.
  3. I clienti connessi hanno grandi aspettative.
  4. L’impazienza oggi può essere una virtù.
  5. I clienti si aspettano che le aziende li conoscano e
    personalizzino comunicazione.
  6. Le persone ora si aspettano una serie di rapidi,
    passi intuitivi , integrati, verso il risultato che hanno previsto.

Alcuni dati

Le ricerche da dispositivo mobile per il “miglior spazzolino da denti” sono cresciute oltre il 100% negli ultimi due anni.
Per gli ombrelli (+ 140% in 2 anni). Per le tende da doccia (+ 120%)

Che si tratti di B2B o B2C, le persone cercano informazioni, approfondimenti e esperienze tra pari.

Google ci ha insegnato che, in quelli che chiama micro-momenti, il 90% degli utenti di smartphone, non è assolutamente certo
del marchio specifico che desidera comprare quando inizia
a cercare informazioni online.

Il 73% dichiara che le informazioni da un’azienda sono gli attributi più importanti per selezionare una brand.

Secondo Nielsen, l’83% dei consumatori si fida delle raccomandazioni ricevute da parte di persone che conoscono e il 66% si fidano delle opinioni pubblicate online da altri consumatori .

La fiducia è moneta. La cerchiamo. La guadagniamo.
La spendiamo.

LA FIDUCIA È MONETA
Contattaci per una consulenza di valore. Basta un clic

Puoi anche lasciare un commento, o un richiesta e ti risponderemo entro 24 ore.

Storytelling di Marketing.

Anche il tuo pubblico ha un’audience.
Vogliamo comunicare con loro e, soprattutto, attraverso di loro con uno Storytelling di Marketing.

STORYTELLIG DI MARKETING

Perché in tutti i social media convivono reti di audience autonome.

Cosa ti è più utile uno storytelling di marketing o un marketing con uno storytellyng? Chiunque può creare contenuti che catturino l’attenzione delle persone, ma non tutti sanno affascinare e spingere all’azione.

Ognuno nella rete ha una propria audience, comunicare a Franco significa comunicare anche alla sua audience.

La sfida è quella di coinvolgere l’audience del tuo pubblico.

Storie importanti comunicano con le persone e, soprattutto attraverso le audience delle le persone. Problem Solving accetta questa sfida, per i suoi clienti vuole andare oltre il concetto di target group, per connetterci con i protocolli Open Graph, usato in modo massiccio da Facebook e da altri social.

Il fulcro del nostro lavoro si sposta verso il storytelling di marketing, dalle impression alle espressioni per poter offrire un valore ai nostri clienti che sia trasmesso alle loro reti:

Con l’ informazione si crea valore.
Con la rilevanza si crea il nuovo virale.
L’utilità diventa esperienza.

L’obiettivo ambizioso è quello di riuscire a comunicare con e attraverso le audience delle persone e creare una comunità di fan dei nostri clienti.

La sfida è creare una storia coinvolgente, pertinente, utile, credibile, desiderabilmente aspirazionale e legittimamente coerente con gli obiettivi di marketing del nostro cliente..

Bene, lascia che ti racconti una storia …

C’era una volta un giovane e brillante cantastorie che
desiderava affascinare i cuori e le menti di tutti.
Ma, ahimè, questo aspirante narratore,
come tanti altri speranzosi chansonnier fu accolto
con grande resistenza.
Il pubblico era già stanco, e esaurito perché aveva già visto e sentito molti altri famosi cantori, cantambanchi, canterini, giullari e menestrelli. Gli avevano rovinato la scena.

È qui che inizia la nostra storia.

Il mondo non potrà essere veramente incantato fino a che non incontrerà una nuova storia ed un modo nuovo di raccontarla
E c’è sempre la speranza in un nuovo inizio.

Ricordiamoci sempre che possiamo essere coloro che possono illuminare il mondo con la luce del sole.

Fonte: Biancaneve

Una buona storia è personale.
Le buone storie accendono l’ immaginazione.

TED, il fornitore di idee che valgono , crede che le storie affermino chi siamo e ci permettono di sperimentare, di percepire le somiglianze
tra noi e gli altri, siano essi reali o immaginati.

Le storie ci aiutano a dare un senso alle nostre vite.
Non esiste uno standard per la narrazione.

Ma, ci sono pilastri comuni per costruire storie di successo

Le grandi storie hanno il potere di trasformare le nostre percezioni del mondo e la nostra posizione al suo interno.
Iniziamo dalle basi.
Spesso, i marketer fanno confusione e non conoscono ancora la differenza tra una narrazione e una storia, una storia e un aneddoto.

Queste sfumature contano se si è interessati al pubblico che si desidera coinvolgere, alle loro esperienze e a cosa stanno vivendo in quel momento.

Preferite una storia da vendere o una storia da raccontare?

La storia è un resoconto strutturato di persone immaginarie o reali e
eventi.

Include un’impostazione, una trama, personaggi e una sequenza di eventi.
La narrativa è una sequenza di eventi, organizzata in una storia.

È la scelta di quali eventi e in quale ordine metterli in relazione,
piuttosto che la storia stessa che crea valore.
Gli aneddoti illustrano un punto.
Possono essere momenti, incidenti o lezioni divertenti, stimolanti, che cambiano la vita, a volta anche tragicamente.

STORYTELLIG DI MARKETING
Una storia di valore si appoggia sempre sui suoi due pilastri fondamentali: le narrazioni e gli aneddoti. Senza aneddoti e senza narrazioni, non c’è storia che tenga!

Siamo estremamente consapevoli che una campagna di marketing è esattamente l’opposto di una parabola narrativa tradizionale.

Hai mai osservato le parabole contenute nelle grandi storie?
Seguono tutte la stessa sceneggiatura di base:

  • All’inizio, la storia inizia e si costruisce con un protagonista che vuol raggiungere un suo obiettivo.
  • Dopo un po’ di tempo, al centro della storia, la storia si appiattisce un po,’
  • poi arriva il climax avverso all’obiettivo.
  • Verso la fine c’è il successo o il fallimento e finalmente
    una risoluzione finale, nel bene o anche nel male.

Commedia o tragedia gli antichi greci ci hanno insegnato tutto.

Le parabole delle campagne di semplice e gelido marketing sono invece quasi l’opposto di questa:

  • Budget.
  • Creativo.
  • Approvazione.
  • Realizzazione.
  • Poi c’è il lancio!
    GUARDA QUI! HEEEEEEYYYYYYYYYYY!
    GUARDA !!!
    “e poi…
  • …fine, fatto… “quando le risorse, il budget si esauriscono, fine dei giochi.

Non è una gran parabola quella del marketing di pura pubblicità!

Meglio una strategia con uno Storytelling di Marketing che invece di finire a fine di un grande budget cresce nel tempo con piccoli budget.

Vuoi sapere come possiamo creare una storia di valore per il tuo brand, ricca aneddoti utili, con una narrazione ricca di informazioni?
Uno Storytelling di Marketing.?


Contattaci per una consulenza di valore. Basta un clic

Oppure lascia un commento, facci qualsiasi domanda, ti risponderemo entro 24 ore.

C’era una volta problem solving, c’E’ Problem solving

C’era una volta lo storytellig e, se la vita è risolvere problemi, e per fortuna, il futuro è aperto, come scrisse Karl Popper, con Problem Solving c’è ancora lo story telling, ma in versione 2019.

C’ERA UNA VOLTA PROBLEM SOLVING
Come digital marketer cerchiamo di equilibrare gli sforzi tra le misure quantitative ed il valore qualitativo delle campagne social media marketing. Photo by Andrew Worley

Il bello e il brutto del WEB

Oggi i social media hanno cambiato le narrazioni.
Il bello dei social media è proprio questo:
hanno dato una voce a tutti .

E il lato brutto dei social media è che, oggi, hanno dato voce a tutti!

Se fino ad ora chi si è saputo dotare di piattaforme e tecnologie per dare voce a tutti si è soprattutto concentrato sulle metriche, sui numeri e tanti hanno perso il senso del loro scopo: creare valore per il proprio brand!

Una ricerca pubblicata dal Content Marketing Institute mostra che il 60% dei marketers continua a non avere una strategia di contenuto documentata ed il 63% continua a dire che generare traffico e lead è sempre una grande sfida.

Tuttavia, il 73,6% dei marketer prevede di spendere di più
sul contenuto nel 2019

Sembra proprio che troppi marketer non abbiano una idea focalizzata del pubblico, delle persone, che vogliono veramente
coinvolgere.

Come mai?

Qual’è il motivo per il quale il 95% dei contenuti non riesce
a coinvolgere le persone che desidera coinvolgere?
Fino ad ora il contenuto è stato spesso progettato per essere “virale”senza tenere conto che i contenuti dovrebbero essere coinvolgenti, utili e, sopratutto empatici.

Nella nostra esperienza esiste la consapevolezza che l’utilizzo dei social media e dei digital media ci si espone ad una grande
responsabilità. Una responsabilità che talvolta spinge ad essere troppo moderati.

Oggi il contenuto lo si può considerare come un prodotto con un suo marketing mix e i social media non sono ancora visti da questa angolatura.

C’ERA UNA VOLTA PROBLEM SOLVING
Problem Solving c’é ! cerchiamo di equilibrare gli sforzi tra le misure quantitative ed il valore qualitativo delle campagne
Photo by Marten Bjork 

I social media non sono poi così tanto social!

Le persone tendono sempre di più a trasformarsi in brand mentre i brand vorrebbero essere percepiti come persone.

Alcune persone nei social si stanno stancando e, a volte annullano le loro iscrizioni ai social.

Altri, invece, sono troppo occupati a mettere i like ai loro follower, a cercare la scenografia ideale per lo scatto del selfie, a cercare la posa perfetta, condividere quel post che esprime in una citazione più o meno vera, che fa sembrare la loro vita perfetta o, almeno migliore!

Quindi, come può fare a distinguersi chi è sempre attivo e che sembra urlare al mondo: Sono qui! Non mi vedi?

Lo smartphone è primo o il secondo schermo?
Non penso proprio. Potrebbe essere solo l’unico schermo

I telefoni non sono più telefoni. I dispositivi mobili
ora sono tutto. Si possono ormai considerare appendici digitali.
Sono finestre aperte verso nuovi mondi.

Sono ancore di vita che assumono il valore di auto-significa e pseudo auto-realizzazione.
Domanda: Quanto spesso tocchiamo i nostri telefoni?
Risposta: 2.617 volte al giorno.

Secondo uno studio di Michael Winnick pubblicato da
dscout, Studio dedicato agli utenti Android, le persone hanno toccato o strisciato e fatto clic, in media, 2.617, volte al giorno .

Il il 10% più importante del campione analizzato è arrivato a toccare lo schermo del proprio smartphone 5.427 volte al giorno.

Domanda: Quante volte al giorno hanno utilizzato lo smarthphone per telefonare?

Risposta: in media 76 sessioni al giorno.

Il 10% più importante del campione, 132 sessioni al giorno.

Benvenuti nel teatro ad attenzione compulsiva!

Il problema non può essere risolto solo con il giusto content marketing se la causa potrebbe essere la dipendenza da smartphone ed comportamenti multi-tasking.

Nessuno ha più capacità di attenzione, giusto !?
Mi dispiace, cosa stavi dicendo?
Stavo solo scherzando!

C’era una volta problem solving e da problem solver preferiamo approfondire le cause della difficoltà di engagement. Problem Solving c’è!

Ma gli intervalli di attenzione e il multitasking, sono solo i sintomi del problema, non ne sono le cause.

Le persone sono invece iperfocalizzate, ma in cerca di sé stesse, sfuggono nel cercare i feedback delle loro esperienze social. Cercano conferme dei loro paradigmi di comprensione della loro vita!

Le buone notizie?

Le persone che contano non sono distratte, anzi sono le più focalizzate e sono aperte ai giusti contenuti inseriti nei giusti contesti, col formato giusto e nel momento giusto.

C’ERA UNA VOLTA PROBLEM SOLVING
Problem Solving c’é ! cerchiamo di equilibrare gli sforzi tra le misure quantitative ed il valore qualitativo delle campagne
Photo by Rawpixel

C’ERA UNA VOLTA PROBLEM SOLVING

E Problem Solving c’è ancora e può aiutare a pilotare nella tempesta perfetta dei social e nella direzione giusta!

Pensiamo che il valore del content marketing consista prevalentemente nel saper creare piani editoriali in grado di rispecchiare i paradigmi dei valori dei brand con i paradigmi valoriali delle persone importanti,

Problem Solving c’è !

Come digital marketer cerchiamo di equilibrare gli sforzi tra le misure quantitative ed il valore qualitativo delle campagne

Tra iper-investire nel pubblico e nelle semplici strategie quantitative basate solo su metriche vanesie di like, traffico, visualizzazioni e follower che rischiano di portarci lontano dalle persone che contano per il business dei nostri clienti.

Cerchiamo di esprimere un valore aggiunto nei momenti che contano per il Cliente, iniziando da ciò che è importante per i suoi clienti, con una prospettiva di medio termine perché una buona comunicazione è sempre additiva.

C’ERA UNA VOLTA PROBLEM SOLVING
PROBLEM SOLVING C’E’ ! Contattaci per una consulenza di valore. Basta un clic

Contattateci per maggiori dettagli, saremo lieti di parlare con voi.

Lasciate una richiesta nei commenti.

Entro 24 ore avrete la nostra risposta.

Più connettività, più vendite online per tante categorie di prodotti

Tante categorie di prodotti saranno più facili da vendere online grazie all’incremento della connettività.

Secondo Nielsen Europe più aumenteranno le opportunità di connessione veloce e di qualità, più aumenteranno le opportunità di vendita on line.

La connettività digitale sta agendo sui consumatori globali. Con l’aumentare della connettività, molte imprese si stanno impegnando ad ampliare costantemente la gamma di attività digitali, incluso l’e-commerce.

L’85% della popolazione globale è connessa a Internet. Ogni giorno 3,4 miliardi di consumatori si connettono a Internet e spendono, in media, sei ore e mezza online.

Per molte categorie di prodotti, in gran parte quelle del settore dei beni di consumo in rapido movimento (FMCG) i consumatori globali non hanno ancora compreso ed adottato completamente l’e-commerce. Ciò può rappresentare una opportunità per i produttori e rivenditori che desiderano capitalizzare il potenziale offerto dall’e-commerce.

Comprendere come i consumatori si comportano, quali siano le loro abitudini online e quali siano i meccanismi virtuali e reali che guidano l’adozione dell’e-commerce,sta diventando sempre strategicamente prioritario per tanti imprenditori.

Alcuni dati forniti da Nielsen Europe lo possono dimostrare: “le vendite online globali nel 2017 hanno totalizzato 2,3 trilioni di USD, pari al 10,2% delle vendite totali al dettaglio, e prevediamo che tale percentuale raggiungerà il 17,5% entro il 2021”.

Le vendite di tante categorie di prodotti saranno favorite dalle nuove connettività

LA CONNETTIVITÀ RAPPRESENTA LE FONDAMENTA E PER LA CRESCITA DELL’E-COMMERCE

L’aumento della connettività internet sta aprendo la strada all’e-commerce in molti mercati globali, come dettagliato nel recente rapporto Connected Commerce di Nielsen , che ci informa sul consumatore globalmente sempre più connesso,

Identifica il potenziale di crescita futuro: i tratti comportamentali nelle attività di shopping, l’evoluzione delle categorie di prodotti e le barriere d’accesso.

A livello globale, come dettagliato nel rapporto, moda, viaggi e libri / musica sono le prime tre categorie acquistate online, rispettivamente al 61%, al 59% e al 49%, prendendo in considerazione tutti i mercati.

Per i consumatori online, la connettività è un fattore abilitante: ha migliorato la loro capacità nel cercare e confrontare prodotti e servizi; mette in evidenza disponibilità e prezzi dei prodotti. Grazie alla connettività l’ordine e la consegna dei prodotti nei luoghi e tempi desiderati è facilitata.

Produttori e i rivenditori soddisfano le esigenze dei consumatori in termini di convenienza e facilità di consegna e i consumatori sono sempre più aperti all’acquisto di altre categorie online, come: beni di consumo durevoli, articoli di intrattenimento, prodotti per la cura della casa e della persona, bevande alcoliche e articoli FMCG come generi alimentari freschi, e prodotti alimentari confezionati.

La crescente volontà dei consumatori di espandere i loro comportamenti di acquisto online, includendo il cibo, mette in evidenza le dinamiche in evoluzione del panorama dell’e-commerce e le opportunità per i mercati di tutto il mondo nei prossimi anni.

PIÙ CONNETTIVITÀ, PIÙ VENDITE ONLINE PER TANTE CATEGORIE DI PRODOTTI

Con l’aumento della connettività e il miglioramento delle infrastrutture, continueranno a diminuire gli ostacoli agli acquisti online .

Ad esempio, in molti mercati vengono implementati metodi di pagamento sicuri e portafogli mobili alternativi, che offrono ai consumatori alternative personalizzate di pagamento che incrementano il senso di fiducia verso l’acquisto online.

Gli acquirenti sono alla ricerca di esperienze facili, senza inutili complessità, che facciano risparmiare tempo, riducano gli ostacoli e offrano un’esperienza piacevole: Easy & Fun

Il desiderio di provare diverse opzioni per l’acquisto, per il pagamento e la consegna è cresciuto nel corso degli anni. Le sostituzioni in giornata, le consegne gratuite per ordini di alto valore, la reattività e il rimborso per ordini errati sono solo alcune delle caratteristiche che incoraggiano i consumatori ad acquistare prodotti di consumo online.

I rivenditori che offrono queste funzionalità e creano nuove modalità di pagamenti online miglioreranno l’adozione del commercio elettronico da parte dei consumatori: sia nei settori FMCG, sia in altre categorie di prodotti:

Il futuro è sempre più aperto.

Traduzione dell’articolo pubblicato da Nielsen, qui l’originale.