Archivi tag: social media marketing

La fiducia è moneta.

La fiducia è moneta. La cerchiamo. La guadagniamo. La spendiamo.

Come può uno storyboard aiutare i narratori a creare storie importanti? Come può aiutare a creare la fiducia del brand che diventa la moneta che stiamo cercando, che guadagniamo e che, poi spendiamo?

LA FIDUCIA È MONETA.
LA FIDUCIA È MONETA. Sei in grado di creare una storia che crea fiducia?
Photo credit: Christopher Campbell 

Per sviluppare il suo primo film di animazione Biancaneve, nei primi anni ’30, Walt Disney inventò la tecnica dello storyboard.

Lo storyboard gioca un ruolo fondamentale per sviluppare, per
rendere precisi i caratteri, la credibilità e, in generale, lo scopo e la risonanza di ogni grande storia.

Uno storyboard è un processo formale indispensabile per riuscire ad avvicinarsi al proprio pubblico, per conoscere le persone che vogliamo coinvolgere, prima di coinvolgerle.

E un grande contenuto inizia sempre con storie fantastiche e grandiose e ogni storia inizia con una riflessione profonda e un intento strategico.

Puoi già immaginare il tuo pubblico come un eroe all’interno di un viaggio da eroe. Iniziamo sempre con il cliente al centro di
qualunque cosa.

Nel suo libro, The Hero with A Thousand Faces, L’uomo dai mille volti, Joseph Campbell ci ha presentato  Il viaggio di un eroe.

E voi conoscerete già tanti viaggi di eroi:
Star Wars, Il mago di Oz, The Matrix per non citare Harry Potter.
Ci piace adattare il viaggio dell’eroe ai tuoi clienti.

L’eroe è il tuo cliente.

Immagina il viaggio del tuo cliente e come vive ogni giorno.
Quali sfide affronta? Cosa chiede? Dove trova le risposte?
Come puoi aiutarlo a diventare l’eroe nella sua storia?
Usiamo queste risposte per ispirare le tue storie.

Il pubblico ha il controllo delle proprie esperienze
che accadono con o senza di te.

Le storie più coinvolgenti sono influenti.

Lasciano un impatto e incitano all’azione.
Attraverso un buon storyboard, Airbnb ha appreso
le esigenze individuali, le aspettative e
aspirazioni del suo pubblico (ospiti e ospitanti).

Per arrivarci, noi marketer insieme ai narratori
non ci fermiamo solo a conoscere l’eroe dei nostri clienti ,
ma vogliamo anche capire cosa amano, quali siano i loro
bisogni espressi e latenti, ricerchiamo, ciò che ha valore per loro e quali siano i loro processi decisionali

Ci sono sei tendenze comportamentali del cliente che noi marketer teniamo sempre presenti.

  1. Se non diversamente progettato, ogni contenuto è momentaneo
  2. Ogni oggetto può e sarà ricercato.
  3. I clienti connessi hanno grandi aspettative.
  4. L’impazienza oggi può essere una virtù.
  5. I clienti si aspettano che le aziende li conoscano e
    personalizzino comunicazione.
  6. Le persone ora si aspettano una serie di rapidi,
    passi intuitivi , integrati, verso il risultato che hanno previsto.

Alcuni dati

Le ricerche da dispositivo mobile per il “miglior spazzolino da denti” sono cresciute oltre il 100% negli ultimi due anni.
Per gli ombrelli (+ 140% in 2 anni). Per le tende da doccia (+ 120%)

Che si tratti di B2B o B2C, le persone cercano informazioni, approfondimenti e esperienze tra pari.

Google ci ha insegnato che, in quelli che chiama micro-momenti, il 90% degli utenti di smartphone, non è assolutamente certo
del marchio specifico che desidera comprare quando inizia
a cercare informazioni online.

Il 73% dichiara che le informazioni da un’azienda sono gli attributi più importanti per selezionare una brand.

Secondo Nielsen, l’83% dei consumatori si fida delle raccomandazioni ricevute da parte di persone che conoscono e il 66% si fidano delle opinioni pubblicate online da altri consumatori .

La fiducia è moneta. La cerchiamo. La guadagniamo.
La spendiamo.

LA FIDUCIA È MONETA
Contattaci per una consulenza di valore. Basta un clic

Puoi anche lasciare un commento, o un richiesta e ti risponderemo entro 24 ore.

C’era una volta problem solving, c’E’ Problem solving

C’era una volta lo storytellig e, se la vita è risolvere problemi, e per fortuna, il futuro è aperto, come scrisse Karl Popper, con Problem Solving c’è ancora lo story telling, ma in versione 2019.

C’ERA UNA VOLTA PROBLEM SOLVING
Come digital marketer cerchiamo di equilibrare gli sforzi tra le misure quantitative ed il valore qualitativo delle campagne social media marketing. Photo by Andrew Worley

Il bello e il brutto del WEB

Oggi i social media hanno cambiato le narrazioni.
Il bello dei social media è proprio questo:
hanno dato una voce a tutti .

E il lato brutto dei social media è che, oggi, hanno dato voce a tutti!

Se fino ad ora chi si è saputo dotare di piattaforme e tecnologie per dare voce a tutti si è soprattutto concentrato sulle metriche, sui numeri e tanti hanno perso il senso del loro scopo: creare valore per il proprio brand!

Una ricerca pubblicata dal Content Marketing Institute mostra che il 60% dei marketers continua a non avere una strategia di contenuto documentata ed il 63% continua a dire che generare traffico e lead è sempre una grande sfida.

Tuttavia, il 73,6% dei marketer prevede di spendere di più
sul contenuto nel 2019

Sembra proprio che troppi marketer non abbiano una idea focalizzata del pubblico, delle persone, che vogliono veramente
coinvolgere.

Come mai?

Qual’è il motivo per il quale il 95% dei contenuti non riesce
a coinvolgere le persone che desidera coinvolgere?
Fino ad ora il contenuto è stato spesso progettato per essere “virale”senza tenere conto che i contenuti dovrebbero essere coinvolgenti, utili e, sopratutto empatici.

Nella nostra esperienza esiste la consapevolezza che l’utilizzo dei social media e dei digital media ci si espone ad una grande
responsabilità. Una responsabilità che talvolta spinge ad essere troppo moderati.

Oggi il contenuto lo si può considerare come un prodotto con un suo marketing mix e i social media non sono ancora visti da questa angolatura.

C’ERA UNA VOLTA PROBLEM SOLVING
Problem Solving c’é ! cerchiamo di equilibrare gli sforzi tra le misure quantitative ed il valore qualitativo delle campagne
Photo by Marten Bjork 

I social media non sono poi così tanto social!

Le persone tendono sempre di più a trasformarsi in brand mentre i brand vorrebbero essere percepiti come persone.

Alcune persone nei social si stanno stancando e, a volte annullano le loro iscrizioni ai social.

Altri, invece, sono troppo occupati a mettere i like ai loro follower, a cercare la scenografia ideale per lo scatto del selfie, a cercare la posa perfetta, condividere quel post che esprime in una citazione più o meno vera, che fa sembrare la loro vita perfetta o, almeno migliore!

Quindi, come può fare a distinguersi chi è sempre attivo e che sembra urlare al mondo: Sono qui! Non mi vedi?

Lo smartphone è primo o il secondo schermo?
Non penso proprio. Potrebbe essere solo l’unico schermo

I telefoni non sono più telefoni. I dispositivi mobili
ora sono tutto. Si possono ormai considerare appendici digitali.
Sono finestre aperte verso nuovi mondi.

Sono ancore di vita che assumono il valore di auto-significa e pseudo auto-realizzazione.
Domanda: Quanto spesso tocchiamo i nostri telefoni?
Risposta: 2.617 volte al giorno.

Secondo uno studio di Michael Winnick pubblicato da
dscout, Studio dedicato agli utenti Android, le persone hanno toccato o strisciato e fatto clic, in media, 2.617, volte al giorno .

Il il 10% più importante del campione analizzato è arrivato a toccare lo schermo del proprio smartphone 5.427 volte al giorno.

Domanda: Quante volte al giorno hanno utilizzato lo smarthphone per telefonare?

Risposta: in media 76 sessioni al giorno.

Il 10% più importante del campione, 132 sessioni al giorno.

Benvenuti nel teatro ad attenzione compulsiva!

Il problema non può essere risolto solo con il giusto content marketing se la causa potrebbe essere la dipendenza da smartphone ed comportamenti multi-tasking.

Nessuno ha più capacità di attenzione, giusto !?
Mi dispiace, cosa stavi dicendo?
Stavo solo scherzando!

C’era una volta problem solving e da problem solver preferiamo approfondire le cause della difficoltà di engagement. Problem Solving c’è!

Ma gli intervalli di attenzione e il multitasking, sono solo i sintomi del problema, non ne sono le cause.

Le persone sono invece iperfocalizzate, ma in cerca di sé stesse, sfuggono nel cercare i feedback delle loro esperienze social. Cercano conferme dei loro paradigmi di comprensione della loro vita!

Le buone notizie?

Le persone che contano non sono distratte, anzi sono le più focalizzate e sono aperte ai giusti contenuti inseriti nei giusti contesti, col formato giusto e nel momento giusto.

C’ERA UNA VOLTA PROBLEM SOLVING
Problem Solving c’é ! cerchiamo di equilibrare gli sforzi tra le misure quantitative ed il valore qualitativo delle campagne
Photo by Rawpixel

C’ERA UNA VOLTA PROBLEM SOLVING

E Problem Solving c’è ancora e può aiutare a pilotare nella tempesta perfetta dei social e nella direzione giusta!

Pensiamo che il valore del content marketing consista prevalentemente nel saper creare piani editoriali in grado di rispecchiare i paradigmi dei valori dei brand con i paradigmi valoriali delle persone importanti,

Problem Solving c’è !

Come digital marketer cerchiamo di equilibrare gli sforzi tra le misure quantitative ed il valore qualitativo delle campagne

Tra iper-investire nel pubblico e nelle semplici strategie quantitative basate solo su metriche vanesie di like, traffico, visualizzazioni e follower che rischiano di portarci lontano dalle persone che contano per il business dei nostri clienti.

Cerchiamo di esprimere un valore aggiunto nei momenti che contano per il Cliente, iniziando da ciò che è importante per i suoi clienti, con una prospettiva di medio termine perché una buona comunicazione è sempre additiva.

C’ERA UNA VOLTA PROBLEM SOLVING
PROBLEM SOLVING C’E’ ! Contattaci per una consulenza di valore. Basta un clic

Contattateci per maggiori dettagli, saremo lieti di parlare con voi.

Lasciate una richiesta nei commenti.

Entro 24 ore avrete la nostra risposta.

sito web, e mail e ricerca. I 3 pilastri della comunicazione digitale

I Digital Media Manager controllano sempre i budget di marketing

SITO WEB, E MAIL E RICERCA
SITO WEB, E MAIL E RICERCA sono sempre i pilastri della comunicazione per contattare i propri clienti

Sono sempre 3 i pilastri del digital: SITO WEB, E MAIL E RICERCA. Secondo Gartner il 25% dei budget dell’OCM (On Line Marketing ) viene investito su questi tre assi.

Investire nel sito, nei motori di ricerca e nel’email è considerato come asset più importante del budget di comunicazione on-line

Sebbene l’ innovazione e gli investimenti in nuove tecnologie siano elementi cruciali nei nuovi puzzle dell’on line marketing, come, ad esempio, l’influence marketing, sempre più considerato utile, il SITO WEB, E MAIL E RICERCA restano sempre al centro della comunicazione on line.

Per molti communication manager, come noi, nel 2018, impegnati nel fornire – e mostrare – risultati di ROI ai loro clienti, il sito web, e mail e ricerca sui motori come google, yahoo, etc. continuano a rappresentare la parte più significativa dei loro budget di marketing perché funzionano.

Secondo Gartner CMO Spend Survey 2018-19 , le tre categorie di media digitali comprovate e fuunzionanti sono sempre queste:- ricerca a pagamento e organica, sito Web e posta elettronica – che rappresentano il 25% del budget di spesa delle strategie marketing.

Gli investimenti più strategici secondo Gartner

In un periodo di bilanci stagnanti e una incertezza economica più ampia gli investimenti e i programmi di marketing sono sempre più controllati e sotto pressione.

Il massimo valore è erogato concentrando gli sforzi nella ottimizzazione dei costi :


Utilizzando budget zero, collegando i contenuti degli articoli pubblicati sul sito WEB direttamente agli obiettivi aziendali.

Costruendo una roadmap martech, pianificando con oculatezza gli investimenti sui canali come programmatic adv e social, che riduca al minimo la ridondanza tecnologica

Controllando e rivedendo tutti i servizi di agenzia e di terze parti.

Conoscendo sempre di più il marketing dei clienti.

SITO WEB, E MAIL E RICERCA.
Se vuoi un check delle tue strategie on line basta un clic ed entri contatto con Problem Solving.

perchè i social sono utili alle imprese?

Perché i social sono utili alle imprese?

Una domanda alla quale abbiamo cercato di rispondere.

Viviamo in un mondo in cui le persone desiderano i Like e aver tanti follower sui social media e non si preoccupano di essere amati dai loro vicini di casa mentre i social media controllano efficacemente la vita di milioni di persone in tutto il mondo.

Nessuna meraviglia che le aziende abbiano trovato il modo di sfruttare l’impatto dei social media sul business. L’uso dei social media per scopi di marketing è un aspetto della strategia di marketing digitale.

Quali sono i vantaggi dell’utilizzo del social media marketing per le aziende:

Essenzialmente sono:

Ampia e selezionata copertura del pubblico

Coinvolgere gli utenti

Generare traffico attraverso i collegamenti

Branding

Analizziamo questi benefici uno per uno:

Ampia copertura del pubblico

La domanda sul perché utilizzare i social media per le imprese può essere semplicemente questa: perché è lì che si trovano le persone. Si stima che entro il 2019 ci saranno 2,77 miliardi di persone in tutto il mondo che utilizzeranno i social media. Una cifra che dimostra l’enorme portata che hanno i social media.
Secondo Google, le persone in tutto il mondo eseguono ogni giorno 3,5 miliardi di ricerche sul motore di ricerca di Google. Facebook afferma che ci sono due miliardi di ricerche sul proprio sito social ogni giorno. Sono affermazioni dimostrano un fatto interessante: molti oggi usano i social media non solo per connettersi con gli altri ma anche per cercare informazioni. Solo questo dato può far riflettere sull’impegno che una impresa può affrontare per esser ritrovata, e dal pubblico che desidera che la ritrovi.

Coinvolgere gli utenti

Quando un utente di un social media riceve informazioni da un amico che conosce, ama e rispetta, ha un elemento emotivo che lo colpisce più di quanto farebbe qualsiasi fredda pubblicità . Lo motiva a dare una considerazione positiva al messaggio. Se c’è un link al tuo sito web, o se c’è un pulsante CallTo Aaction integrato, esso inizia a coinvolgere il visitatore. Molti sondaggi indicano che le persone leggono e visitano le loro pagine personali sui social media più volte al giorno. Per questo motivo le strategie social media marketing per le piccole imprese hanno un ottimo ritorno sull’investimento anche minimo.

Generare traffico attraverso i collegamenti

I post sui social media possono avere collegamenti al sito web dell’impresa e ciò porta ad una aumento del traffico sul sito web. E questo traffico può essere utilizzato per generare lead di potenziali clienti che si può collegare direttamente all’aumento delle vendite per l’impresa. Poii social media possono anche solo essere utilizzati per rimanere in contatto con i clienti. Non solo si generano nuovi clienti ma si mantiene una relazione con i clienti esistenti e si può iniziare a valorizzare il Life Time Value di ogni singolo cliente. Se poi son soddisfatti i clienti a loro volta, spesso fanno pubblicità per l’impresa con il passaparola, o attraverso i loro post.

Branding

I social media possono anche essere utilizzati per rinforzare il brand dell’impresa. I post e le recensioni sui social media creano un’immagine di marca che ha una forte influenza sui potenziali clienti. Il monitoraggio delle conversazioni rilevanti per il tuo prodotto fornisce informazioni su come i potenziali clienti vedono l’impresa. Fornisce inoltre informazioni su ciò che viene detto sui prodotti della concorrenza. Si è in grado di tenere il dito sul polso del mercato e adattarsi in base alle necessità.

Il futuro del social media marketing

Il futuro del social media marketing è aperto! Dal momento che è facile da usare e, soprattutto, conveniente, il social media marketing può essere utilizzato da aziende sia piccole che grandi. Tuttavia, come qualsiasi altra tecnologia, anche i social media si evolvono e cambiano costantemente. L’intelligenza artificiale, la scienza dei big data e gli spazi virtuali sono le tecnologie emergenti che avranno un forte impatto sull’uso dei social media per le imprese.
Ormai sai perché i social media sono importanti.

SOCIAL MEDIA TEAM BUILDING. VIRTUALMENTE REALE. SCOPRI COME FARE CON PROBLEM SOLVING.