Archivi tag: Comunicazione

Social media team building. Virtualmente reale. Scopri come fare.

Come fare per creare campagne social media di successo?

Quattro passi per iniziare a creare un Social media team reale con l’aiuto delle tecnologie cloud virtuali

Passo uno

Al punto 3 della strategia Problem Solving  abbiamo illustrato come sia indispensabile creare un Social media team problem solving focalizzato al raggiungimento degli obiettivi di marketing del committente.

Sembra semplice se osserviamo l’immagine del punto 3 della strategia possiamo vedere le professionalità che sono coinvolte in una strategia di comunicazione in generale e di social media management in particolare.

Social media team

Passo 2

Il passo successivo, dopo aver identificato le professionalità necessarie ed indispensabili, sia all’interno dell’impresa committente, sai all’interno dell’agenzia è proprio quello di trasformare un gruppo di persone, che quotidianamente hanno ruoli e impegni diversi in un vero e proprio Social media team. Virtualmente reale!  con lo scopo di ottenere il massimo in termini di performance da parte di ogni singola professionalità

Passo 3

Il terzo passo è la condivisione e l’allineamento dei saperi fondamentali con una o più sessioni formative: un account d’agenzia deve conoscere le potenzialità ed  i limiti che può prospettare al committente così come le risorse interne dl committente è bene che condividano i parametri di misura delle campagne che si andranno a realizzare. Molte volte solo alla pronuncia di KPI si vedono pupille dilatarsi nel silenzio solido dell’incomprensione.

La keyword in questo caso è “condi-visione” delle strategie, degli obiettivi e dei sotto obiettivi da perseguire insieme e soprattutto dei tempi, delle attività e delle azioni che ogni partecipante al team eseguirà. Creando lo spirito ideale di team: stiamo insieme per divertirci a vincere verso i competitor! 

Anche se nel team son presenti professionalità e personalità  diverse occorre  riflettere s quanto sia importante di lavorare in contesti relazionali il più piacevoli possibili. Si mettono in gioco le meta-competenze o  le competenze trasversali che rappresenteranno il tratto distintivo del team,  creando un forte senso di identità su ogni componente del gruppo di lavoro.

Un tool molto efficace per facilitare la condivisione dei documenti è messo a disposizione da Google con Google suite, un ambiente cloud che permette di superare le barriere dei singoli server aziendali per avere sempre a disposizione, in ogni luogo e su tutti device i materiali, i calendari, i preventivi, le istruzioni e tutto ciò che è opportuno condividere tra:

  1. Team di marketing del committente
  2. Marketing specialist account
  3. Creativi
  4. Media planner
  5. Seo, Serp Specialist – Webmaster
  6. Social media manager

Gli strumenti di collaborazione aziendali offerti  da  GSuite spaziano dalla contabilità e finanza, all’amministrazione e gestione, al marketing e analisi di mercato, dalle Vendite e CRM fino a strumenti dedicati alla produttività, come strumenti creativi e  
sviluppo web e comunicazione, etc.  Se siete interessati a GSuite potete utilizzare questo codice promozionale 67EQR3U4KL7NM3P usufruendo di uno sconto del 20% sulla quota del primo anno.

Social media team

Passo 4

GSuite è un buon strumento virtuale, quello che più conta è invece l’allineamento delle persone verso obiettivi comuni e S.M.A.R.T. sincronizzando le energie individuali verso una sinergia collettiva che tenda all’efficienza della strategia per raggiungerli e trasformare un lavoro in cloud virtuale in risultati reali, tangibili e continuamente migliorabili.

Le tecnologie ci sono, quello che serve è sapere come applicarle.

Nel prossimo articolo approfondiremo le modalità necessarie per sviluppare le meta competenze trasversali indispensabili all’allineamento delle professionalità del Social media team.

Blog – Problem Solving

Il  Blog – Problem Solving

L’approccio Problem Solving parte da un focus group. Le origini della metodologia Focus Group, il punto di forza di Problem Solving per partire da subito col piede giusto. La tecnica  basata sui focus group, rappresenta uno degli strumenti classici di ricerca qualitativa. Il focus group è un metodo di intervista di gruppo strutturato elaborato dal sociologo americano Robert Merton durante la II guerra mondiale per valutare il morale dei soldati coinvolti nel conflitto bellico. Il marketing è guerra 🙂 verso  i competitor.   Un focus group costituisce una risorsa ideale per prendere decisioni. Condivise. Coinvolge normalmente un numero di partecipanti variabile tra i 6 e 12 a seconda della importanza degli obiettivi che sono in gioco e i partecipanti desiderano raggiungere. Le fasi di un Focus group

1) FORMING 2) STORMING
3) COMPROMISE  4) FOCUS

E’ importante infine costituire gruppi con partecipanti omogenei dal punto di vista delle conoscenze, mentre maggiori sono le competenze apportate più ampio sarà lo spettro delle soluzoni che il gruppo potrà apportare. Un Focus Group ha la durata minima di due ore e massima di quattro ore. Permette di focalizzare i gap esistenti tra la situazione comunicazionale attuale e la meta,la “visione” che le si vuole concretizzare attraverso l’ideazione, la progettazione e la realizzazione della campagne di comunicazione. Per approfondire gli aspetti di marketing, marketing relazionale e di comunicazione che caratterizzano le professionalità dei nostri manager potete visitare il sito “the future is open”.

Fate tutte le domande che desiderate qui:

Per noi ogni domanda è intelligente. Chiedi, non esitare.

Photo credit: unsplash.com @thoughtcatalog

viewabilty visibilità e trasparenza nelle strategie di programmatic adv problem solving

Viewabilty, visibilità e trasparenza nelle strategie di programmatic adv

Cosa ne pensa Problem Solving in merito?

Per ogni campagna programmatic adv problem solving suggerisce una strategia completa!

Solo con una strategia completa si possono garantire risultati in termini di ROI quantificabile, misurabile. Le tecnologie aiutano, ma dipende dall’uso che se si fa. Impresion, viewability, clic, customer experience sul sito del cliente, engagement e azioni fatte per acquisire lead o vendere sono le metriche vogliamo utilizzare. Il resto è solo il contrario della comunicazione: il caos dei dati, senza informazioni utili per decidere, e noi con programmatic adv problem solving lo sappiamo e lo spieghiamo ai nostri clienti. Come se avessero  5 anni. programmatic adv problem solving

Immaginate di dover ricaricare il telefono all’interno di una casa che ha 200 prese elettriche diverse.

In ogni presa c’è il potenziale, ma dovete trovare quella giusta per la spina del vostro caricatore.

Varie autorità garanti del mercato pubblicitario USA come  Media Ratings Council,  l’Interactive Advertising Burea,  hanno già raccomandato definizioni per impression “visualizzabili”,anche se gli editori assumono ancora diverse tecnologie per misurarle. programmatic adv problem solving

Se per i marketer questo è esasperante non aiuta gli editori nel confronto delle piattaforme com Facebook che utilizza a stessa tecnologia per misurare la visibilità sui suoi 1,86 miliardi di utenti.

La società di misurazione visibilità Moat fornisce circa 200 diversi parametri di visualizzazione e circa 200 diverse metriche video. GroupM, il più grande acquirente di annunci WEB  al mondo ne utilizza solo  cinque. Ma le campagne pubblicitarie eseguite da altri acquirenti potrebbero usare metriche completamente diverse.

Ora l’IAB Tech Lab si propone di colmare questa lacuna visibilità tecnologia con la creazione di uno standard di tecnologia unificante aperta per misurare visibilità che può essere utilizzato da chiunque nella pubblicità digitale.

programmatic adv problem solving

 

programmatic adv viewability

Dopo centinaia di interviste e cross-industry meeting, focus group i marketing manager USA hanno determinato che è meglio misurare gli investimenti pubblicitari dalle semplici impresion al concetto di “visibilità” delle campagne WEB digitali  mettendo i media digitali alla pari con altri mezzi di comunicazione in cui la visibilità (OTS) è un punto fermo per poterne misurare la pressione pubblicitaria (GRP).

 Siamo ancora lontani da una omogeneizzazione dei dati di valutazione delle campagne on-line.

 Linee guida della misurazione delle impression

In data: 12/2016 lo IAB (Interactive Advertising Bureau), l’MRC (Media Rating Council), e l’MMA (Mobile Marketing Association), con il supporto tecnico di esperti del Laboratorio di Tecnologia IAB, ha rilasciato importanti revisioni alle lineeguida  di misura Mobile In-App  

Sono cambiamenti che promuovono una misurazione della pubblicità digitale migliore e con programmatic adv problem solving ne siamo completamente coscienti.

I nuovi orientamenti sposteranno le in-app mobili  da un minimo “count-on-download” ad  una unità minima di misura dell’ impression “count-on-dall’inizio” dell’ annuncio.

I riferimenti alle impression “erogate” sono state rimosse dagli orientamenti proposti, sostituendoli con il concetto di calcolo delle impressioni event-driven che esprimono  un maggiore potenziale per una “opportunità di essere visualizzate ” da parte drll’ utente finale.

L’ambito di applicazione è per ora limitato agli annunci visualizzati nelle applicazioni su dispositivi mobili. e la misurazionedi  impression per gli annunci visualizzati in web mobile, che possono includere i siti web ottimizzati per dispositivi mobili, applicazioni web (WAP), o altri contenuti basati su browser visualizzati in un dispositivo mobile. Sono esclusi dal queste linee guida qualsiasi pubblicità mobile non Web come applicazioni di messaggistica (SMS e MMS), applicazioni mobili, e varie forme di audio mobile e video.
“Così la comunanza della tecnologia dà tutto la possibilità di scegliere lo standard per la negoziazione”, ha detto Joe Barone, managing partner di operazioni pubblicitarie digitali a GroupM. “Un editore può accettare i termini o rifiutare i termini.”
Nel caso in cui tale standard tecnologico essere realizzato con visibilità, potrebbe anche permettere di marketing di eseguire campagne su larga scala con centinaia di importanti editori in modo rapido ed ancora ottenere misure di visibilità facilmente digeribili.

Per ora, però, se non si chiude il processo di comunicazione-azione del funnel completo, siamo in alto mare!

programmatic adv problem solving

Per noi ogni domanda è intelligente. Chiedi, non esitare.

Photo credit: unsplash.com Austin-Neil