problem solving la sfida programmatic ADV

La sfida Problem Solving 2017- Strategie Human to Human Programmatic ADV

La sfida Problem Solving 2017- Strategie Human to Human Programmatic ADV

Vogliamo andare oltre gli algoritmi

Aiutare i  nostri investitori in tutte le fasi della strategia di branding per identificare algoritmi  personalizzati su ogni target non più considerato come numero, ma come essere umano con  strategie Human to Human di Programmatic ADV

Da semplice Programmatic adv a Human to Human Programmatic ADV .

La programmatic ADV da risultati efficaci, occorre però lavorare per migliorare continuamente l’efficienza della campagne. 

Strategie Human to Human Programmatic ADV

E’ una sfida importante. 

Quando entro al bar sotto l’ufficio, Max, il barista, o la barista, Titti, mi danno il buongiorno personalizzato, “buongiorno Franco”, ormai da dieci anni, e sotto al mio ufficio di bar ce ne sono almeno sei. Ma il caffé, l’aperitivo, o la pausa pranzo la consumo lì. E non è il più vicino!

Potere delle relazioni.

Sarà il driver più importante per vincere la sfida 2017 per i nostri clienti è proprio questa.  Non disperdere nessuna impression, nessun click thrue, nessun engagement dei nostri clienti per innestare relazioni di lungo termine con tutte le persone coinvolte dalle  campagne dei nostri clienti.

E’ una vera e propria strategia che coinvolgerà tutto il team di comunicazione dei nostri clienti.

Strategie Human to Human Programmatic ADV

Smart Simplicity Strategy = autonomia + cooperazione

L’architettura della  smart strategia è illustrata nell’immagine:

7 passi per il 2017

Oggi è semplice, possibile, concretamente realizzabile e a costi contenuti seguendo questi 7 passi.

I passi sono semplici, vediamo quali sono, nel caso di una campagna diretta al mercato italiano:

  1. Si parte dal WEB, total digital audience nel mese di novembre, un bacino di 30,1 milioni di utenti, il 54,7% degli italiani dai due anni in su, online complessivamente per 54 ore e 51 minuti nel mese di novembre ’16. Nel giorno medio si sono collegati almeno una volta dai device rilevati (PC e mobile smartphone e tablet) 23,1 milioni di italiani.(Audiweb 11/2016)
  2. Problem Solving attua la  strategia di programmatic adv:
    1. azioni di targeting e retargeting continui, per passioni, desideri, interessi, del target focalizzando le emissioni dei banner anche solo ai singoli comuni di residenza del potenziale cliente (se siete il marketing manager di  una catena di punti vendita potete comprenderne l’importanza)
    2.  coordinando le azioni dei social media manager, anche dei clienti, tenendo sotto controllo i KPI di engagement fino ai minimi costi per per clic verso il website o landing page dei siti dei clienti
    3. creando il funnel, l’imbuto che raccoglie le “azioni” che motivano potenziali clienti a lasciare i loro dati di contatto, alcune informazioni chiave e l’autorizzazione a ricevere comunicazioni a mezzo mail, sms, messenger, o quant’altro sia in linea con la strategia di vendita del Cliente (data driven strategy).
  3. A questo punto i dati vengono sistematicamente ordinati e raccolti in un database. Il Cliente entra in possesso dei lead di persone umane che hanno dimostrato interesse per la sua proposta di vendita. Si inizia la lead generation! 
  4. Il database da solo è importante, ma per esplicitare le sue massime potenzialità necessita di esser un database relazionale, sei il nostro cliente ne è già dotato i dati vengono trasferiti al suo crm, mentre se non ne è dotato Problem Solving è in grado di gestirne uno dedicato e a costi estremamente contenuti.
  5. Da questo momento in poi, mentre continua l’attività di data driven e lead generation Problem Solving da inizio ad un piano editoriale di lungo respiro che permetta di contattare segmenti diversi di clienti potenziali utilizzando i lead contenuti nel crm con la potenzialità di diversificazione dei messaggi fino alla singola persona, in funzione delle risposte che nel tempo vengono capitalizzate nel crm stesso.
  6. Il feed back continua fino alla massima conversione tra clienti potenziali a clienti effettivi tenendo sempre sotto controllo il KPI più importante e complessivo di tutta la strategia che è il ROI di tutto l’investimento: da una parte aumentano il lead e dall’atra le conversioni fino all’empowerment complessivo del business dei nostri clienti. Strategie Human to Human Programmatic ADV
  7. Loyalty strategy: A questo punto  la conoscenza, strutturata, segmentata e profilata dei propri clienti, diventa il patrimonio, l’asset, più importante del Cliente di Problem Solving e supportati dalle colonne che reggono l’etica del business e della continua negoziazione win win con i propri clienti il Cliente di Problem Solving può acquisire una vera lerdership nel proprio mercato con il beneficio di aver internalizzato tutte le attività di media buying come molte importanti brand internazionali: Air France, Kellog’s, Netflix, Procter & Gamble,  etc. Strategie Human to Human Programmatic ADV
Business empowerment adv strategy
Le colonne del business che sorreggono l’etica del business e senza le quali non è possibile impostare nessuna loyalty strategy

Chiedici come accompagnare la tua impresa in questi semplici sette semplici passi, scalabili, con investimenti contenuti e, soprattutto sempre sotto controllo.

Per noi ogni domanda è intelligente. Chiedi, non esitare.

Lascia un commento