Archivi categoria: Social media marketing

PIANIFICAZIONE COMUNICAZIONE PROBLEM SOLVING

Nel nostro sito PROBLEM SOLVING si affrontano spesso i temi della PIANIFICAZIONE DELLA COMUNICAZIONE. Dietro ad ogni successo di pianificazione on-line e off-line esiste sempre un importante meta-lavoro di soluzione di problemi . Primo tra tutti, emergere da rumore di fondo.

Questa pagina offre una semplice guida per risolvere anche problemi complessi di pianificazione della comunicazione col metodo problem solving

Passo 1

Elaborazione del problema posto dal brief per realizzare una PIANIFICAZIONE COMUNICAZIONE PROBLEM SOLVING

Elabora ciò che la domanda insita nel brief ti sta ponendo. 

Ogni problema di comunicazione è generato da delle cause. Annota l’obiettivo della problema e tutte le informazioni chiave che riesci a raccogliere; è più facile da leggere di un blocco di testo e ti aiuta a digerire ciò che la domanda sul problema ti sta ponendo.

Cerca gli indizi su come elaborare la risposta nei brief e stai attento ai dati – ad esempio, se hai dei dati certi, che derivano da ricerche multicliente come Auditel si possono ignorare gli errori, ma se sei di fronte ad un valore descritto come piccolo può essere invece necessaria un’approssimazione adeguata tenendo conto degli errori.

Tieni conto che per ogni analisi quantitativa è sempre meglio abbinarci una analisi qualitativa,

Passo 2

Disegna un diagramma

Disegna uno schema che ti permetta di avere davanti agli occhi tutto il processo di pianificazione della comunicazione che stai sviluppando col metodo problem solving

Questo aiuta a visualizzare il problema. Tenerlo pulito e etichettarlo con le informazioni fornite nella domanda. Il colore può aiutare a rendere il diagramma più chiaro.

Ti suggeriamo di utilizzare il diagramma di Ishikawa  molto utile a separare le cause tangibili del problema dagli effetti percepiti  per arrivare alla soluzione che elimina il più possibile delle cause

PIANIFICAZIONE COMUNICAZIONE PROBLEM SOLVING

Ishikawa Fishbone Diagram

Passo 3

Identificazione dell’oggettività dei dati matematici rilevanti

Ogni media si basa su dei dati matematici e su degli algoritmi, la pianificazione della comunicazione problem solving si fonda sulla oggettività dei dati numerici. Focalizza quali concetti sono più rilevanti? Annota i principi sui KPI rilevanti e identifica le equazioni e gli algoritmi che potrebbero esserti maggiormente utili, in particolare quelli che collegano i valori indicati nei breif con quelli che stai cercando. Cosa puoi risolvere? Quali KPI sono più utili da raggiungere alla fine del processo? (te lo doco come se se avessi 5 anni? cosa ti importano i migliaia di like se poi non hai le conversioni? E se hai le conversioni e poi hai un tasso di rimbalzo superiore al 70%?

Passo 4

Elabora la soluzione della pianificazione  della tua comunicazione problem solving 

Lavora logicamente attraverso i passaggi del problema sulla carta. Annota ogni passaggio; eseguire calcoli complicati nella tua testa rende molto più probabili degli errori. 

Le seguenti tecniche sono buone pratiche:

  • Mantieni il tuo lavoro pulito, e se commetti un errore puoi vedere
    facilmente dove è . Scrivi come se intendessi che qualcun altro legga il tuo modo di lavorare; chiunque dovrebbe essere in grado di seguirlo.
  • In generale, utilizza gli stessi simboli, abbreviazioni fino alla fine del problema. Questo può sembrare più complicato, ma fornisce una risposta generale che può essere applicata ad altre situazioni e rende meno probabile il calcolo o gli errori di arrotondamento.
  • Usa una notazione chiara e non ambigua. Assicurati che i vettori e gli scalari possano essere distinti, mantenendo i segni coerenti e assicurati di poter distinguere le diverse lettere che hai usato. Qualsiasi notazione sensata va bene fintanto che è coerente; non utilizzare la stessa lettera due volte per valori diversi nella stessa domanda.

Se il tuo metodo non ti porta alla soluzione, prova un approccio alternativo.  Non esiste mai la soluzione perfetta, ma esiste sempre una soluzione ideale.

Passo 5

Hai effettivamente creato una pianificazione della comunicazione problem solving?  Controlla il tuo lavoro.

  • Controlla eventuali errori o errori aritmetici. Il diavolo sta nei dettagli più nascosti.
  • I risultati ottenuti ti sembrano ragionevoli? Ad esempio, se stai elaborando una copertura di pubblicazione e raggiungi un valore maggiore del numero degli utenti totali di un social, sai che qualcosa non ha funzionato.
  • Se hai risolto un’equazione, riporta il valore nell’equazione per verificare che fornisca la risposta che ti aspetti.
  • La tua risposta fornisce i valori attesi per situazioni estreme, come quando una quantità va a zero o diventa troppo grande?
  • L’analisi dimensionale è uno strumento eccellente per verificare la tua risposta: verifica che i dati delle unità siano corrette.

Cerca scorciatoie facili: cosa annulla immediatamente qualsiasi valore? 

Conosci l’ identità o delle sostituzioni che ti potrebbero essere utili? Ci sono simmetrie della situazione che semplificano il problema? Spesso c’è più di un modo per affrontare un problema, e uno può essere più veloce – per esempio, molte domande dinamiche possono essere risolte analizzando le forze di copertura dei media o l’energia dei budget di cui disponi.

Spesso è necessario considerare due idee di pianificazione pubblicitaria come ad esempio la copertura del target e la frequenza con la quale lo si raggiunge a parità di energia del budget com media e veicoli diversi

Potresti essere in grado di scrivere un’equazione da ciascun approccio e questo può darti due equazioni simultanee. DUE approcci, DUE equazioni, DUE incognite e tu arrivi ad una sola soluzione.

A questo punto sai già qual è il meta-metodo di una buona pianificazione della comunicazione problem solving. se vuoi saperne di più o ti serve un aiuto puoi approfondire con la lettura di un buon libro o contattarci direttamente. Buon lavoro.

 PIANIFICAZIONE COMUNICAZIONE PROBLEM SOLVING
Puoi prenotare un Focus Group Problem Solving gratuito e finalizzato a fare emergere le tue esigenze di pianificazione della comunicazione problem solving di successo.
Non esitare, fai clic ed entra in contatto con noi.

Eccellenza competitiva e distintiva

 PIANIFICAZIONE COMUNICAZIONE PROBLEM SOLVING
Se vuoi saperne di più…

Per tutti i giovani manager, i quadri e chiunque abbia un ruolo di responsabilità all’interno di un’organizzazione, “Eccellenza competitiva e distintiva” rappresenta la guida ideale per posizionare il proprio brand individuale all’interno delle organizzazioni, facilitare le proprie eccellenze comunicazionali finalizzate all’ottenimento di ciò che si vuole: come persona, come team e come organizzazione. Un percorso attraverso il riconoscimento degli aspetti cognitivi delle relazioni, che permette di “volare alti” superando abilmente preconcetti e pregiudizi, focalizzando i messaggi relazionali con un controllo continuo dei feedback verbali e non verbali e, le energie proprie e dei collaboratori sulle priorità delle attività professionali e personali. Apre gli occhi sulle trappole e sugli inganni che il manager affronta nella sua vita quotidiana permettendogli di sviluppare le capacità di separare fatti, opinioni e sentimenti, ottenendo nuove e solide relazioni umane basate sull’etica della fiducia. Prefazione di Paola Lazzarini.

15 POTENTI esempi di neuromarketing in azione

Il neuromarketing sta conquistando il mondo ed è già stato utilizzato in molte forme. In questo articolo 15 potenti esempi di neuromarketing in azione

15 potenti esempi di neuromarketing in azione. Esempi pratici per comprendere meglio le potenzialità di questa nuova scienza applicate alla comunicazione.

Molte principali società e università hanno compreso che il neuromarketing rappresenta l’approccio scientifico alla programmazione neurolinguistica. 

Nonostante ormai sia utilizzato da una ampia casistica, tale da influenzare il mondo del marketing, molte persone non sanno esattamente cosa sia il neuromarketing o come possa essere usato in modo efficace. 

I seguenti punti delineano 15 potenti esempi di neuromarketing in azione.

1. L’importanza dello sguardo del testimonial

È una vecchia nozione didattica. Gli annunci che includono nel visual volti di persone sono molto più efficaci di quelli che non lo hanno. In particolare, le immagini e i video che includono i bambini tendono ad attirare e focalizzare per tempi più lunghi l’attenzione del target dei potenziali clienti. 

Gli inserzionisti hanno da tempo tentato di incrementare le vendite di prodotti per l’infanzia usando primi piani di adorabili visetti di bebè – con l’aiuto della tecnologia di rilevamento degli occhi hanno identificato che ciò, da solo, non è sufficiente.

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING IN AZIONE

1° dei 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING : lo sguardo

I ricercatori hanno scoperto che quando il bambino guarda faccia a faccia, frontalmente, gli spettatori saranno molto più concentrati sul viso del bambino a discapito della concentrazione sul contenuto dell’annuncio. Se, invece, il bambino sta indirizza lo sguardo sul prodotto o sul testo, lo spettatore si concentrerà maggiormente sul contenuto pubblicitario.

Come risultato, gli inserzionisti hanno preso atto che, sebbene le facce di un bambino siano popolari tra i consumatori, è molto meglio che il bambino abbia lo sguardo rivolto verso ciò che si desidera far poi acquistare dal consumatore. 

Se vuoi approfondire leggi qui .

2. Migliorare l’efficacia del packaging

Conosciamo tutti la sensazione che proviamo di fronte alle confezioni dei prodotti: a volte ne siamo attratti, a volte non li notiamo nemmeno, altre volte proviamo un senso di allontanamento. Alcuni pack, invece, risultano particolarmente attraenti.  Applicando tecniche di  neuroimaging. brand come Campbell e Frito-Lay hanno usato il neuroimaging per re-immaginare il loro packaging. Nei loro test il packaging è stato mostrato ai client,i rilevando e registrando le loro risposte come positive, negative oppure neutre, intervistandoli poi approfonditamente per rilevare le loro impressioni in merito ai colori, ai testi e alle immagini.

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING IN AZIONE

2° dei 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING : migliorare il packaging

Questa ricerca ha fatto emergere che i clienti hanno mostrato risposte negative alla confezione lucida, ma non hanno mostrato una risposta negativa alla confezione quando era opaca. 

Frito-Lay ha così deciso di abbandonare la confezione lucida e a proseguire con il nuovo aspetto opaco.

In sintesi:  le tecniche di neuromarketing sono ampiamente utilizzate per riprogettare imballaggi e presentazioni di prodotti..

Per saperne di più sullo studio sopra (e alcuni altri studi interessanti) dai un’occhiata a questo link .

3. Il colore è la chiave

Quando selezioni i colori, ricorda che potresti influenzare il modo in cui i potenziali clienti si sentono! I colori possono evocare una vasta gamma di emozioni, molteplici studi mostrano costantemente un legame tra certi colori e certe emozioni.

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING IN AZIONE

3° dei 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING : attenzione alla combinazione dei colori

Saper utilizzare i colori in modo efficace può essere un potente strumento di marketing. Uno degli esempi più noti è l’uso
del colore rosso onnipresente con la Coca Cola,  ma ci sono molte altre aziende che hanno anche usato il colore con grande effetto .  Esperti di neuromarketing specializzati in colori e pubblicità hanno diviso i colori in sottogruppi realizzando una guida per poterli utilizzare efficacemente. 

Cool blues, ad esempio, è il colore ideale, se si desidera attirare l’attenzione di professionisti.

Assicurati di familiarizzare con il modo in cui il colore può essere utilizzato per influenzare il comportamento di acquisto. 

Se vuoi approfondire questo argomento fai cli qui

4. Efficienza pubblicitaria

Per molti anni l’imaging cerebrale era considerata pura ricerca accademica o scientifica. Il neuromarketing, tuttavia, ha sfruttato l’incredibile potenziale dell’imaging fMRI per darci un’idea del comportamento umano e delle abitudini dei consumatori.

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING IN AZIONE

4° dei 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING :  migliorare l’efficienza dei messaggi pubblicitari

Un esempio di come il neuromarketing abbia fatto uso di fMRI è di confrontare le campagne pubblicitarie prima di rilasciarle al grande pubblico. In uno studio particolare , tre partecipanti diversi per la linea telefonica del National Cancer Institute sono stati visti dai partecipanti. La campagna pubblicitaria che ha suscitato il maggior numero di attività cerebrali in una particolare regione, ha portato a chiamate significativamente più elevate verso la hotline. Questo nuovo approccio è una nuova strada per identificare le campagne pubblicitarie che coinvolgeranno veramente il pubblico.

L’ fMRI ha un incredibile potenziale per migliorare le strategie di marketing, aumentando il coinvolgimento e l’azione.

5. La paralisi della decisione d’acquisto

A volte, la ricerca sul comportamento dei consumatori va contro ciò che potremmo aver precedentemente creduto. Uno studio della Columbia University ha rivelato che troppe scelte possono effettivamente essere un deterrente per i potenziali clienti. Utilizzando diversi tipi di configurazioni, hanno scoperto che i display contenenti un’ampia gamma di opzioni avevano meno probabilità di arrestare i clienti.

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING IN AZIONE

5° dei 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING : evitare il blocco delle decisioni

Meno è di più e, a volte i clienti possono essere sopraffatti da troppe scelte. 

Per approfondire a fai clic qui .

6. Valutazione della soddisfazione

Emotion Response Analysis (ERA) utilizza l’imaging EEG per identificare la risposta emotiva di un individuo a un prodotto, una immagine, un commercial, la pubblicità, ecc. Il livello di coinvolgimento o eccitazione emotiva in relazione a un prodotto è inestimabile per l’utente pubblicitario. Se, ad esempio, il consumatore manifesta alti livelli di frustrazione in risposta al tuo prodotto, è evidente che c’è un problema di efficienza della comunicazione che stai utilizzando. L’EEG può essere utilizzato per valutare la soddisfazione del consumatore. In uno studio EEG è stato utilizzato per valutare la soddisfazione con un trattamento dermatologico. 

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING IN AZIONE

6° dei 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING : può misurare la soddisfazione dei clienti.

Hanno scoperto che la soddisfazione del cliente è strettamente correlata con l’attivazione nei circuiti neurali coinvolti nella valutazione della sua stessa percezione della bellezza del suo viso, piuttosto che all’efficacia tangibile del prodotto.

Come fMRI, l’ EEG può far luce sui modi più efficaci di comunicare.

Se sei interessato a come l’EEG può essere usato in combinazione con un software , dai un’occhiata a questo link .

7. L’ossessione per le occasioni perdute

Una scoperta interessante utilizzata dal neuromarketing è che le persone non vogliono davvero perdersi! Le persone sono più preoccupate di ciò che potrebbero perdere piutto che di ciò che, invece, potrebbero guadagnare. Per questo motivo le strategie “compra prima che siano finiti” sono molto efficaci.

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING IN AZIONE

7° dei 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING : puoi utilizzare la cornice dell’osssesione della perdita dell’opportunità

Se si pone al consumatore una alternativa come una perdita, è molto più probabile che i consumatori acquistino . Per questo motivo, un concetto chiamato “framing” è molto importante nel contesto di neuromarketing. Questa tecnica rende i consumatori più propensi a spendere soldi ed è il modo in cui gli inserzionisti possono presentare le decisioni ai propri consumatori. Anche per prodotti premium si può utilizzare la formula: non perdere, invece che, risparmia.

8. Ancoraggio

La prima informazione che il cliente riceve è molto importante.  Può essere la base per ogni successivo processo decisionale e impostare il tono per il loro comportamento d’acquisto. I neuroscienziati hanno scoperto un difetto nel funzionamento della mente e in che modo raggiunge le decisioni. Come individui, raramente siamo in grado di valutare il valore di qualcosa in base al suo valore intrinseco, ma lo confrontiamo con le opzioni circostanti.

I consumatori odiano sentire che stanno perdendo un affare, quindi assicurati di sottolineare che saranno destinati a perderlo.

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING

Una preziosa applicazione del neuromarketing pertanto è quella di sfruttare questo “effetto di ancoraggio”.  Se, ad esempio, stai guardando due camere d’albergo che hanno un prezzo simile ma una la mattina offre un caffè gratuito al momento del chek -out, è molto più probabile che tu scelga l’ hotel che ti offre il good-by coffee
Se ti sono comodi entrambi, molto probabilmente non esplorerai la qualità delle camere offerte o le caratteristiche dettagliate dei due hotel.

Gli utenti pubblicitari spesso ne approfittano quando confrontano pacchetti di offerte, l’uno di fronte all’altra.  Creando ancore forti potremmo ritrovarci a stipulare contratti impegno di medio periodo. Carpe diem? Si cogliamo l’attimo per lasciare un prima buona impressione

L’ancoraggio può aiutarti a chiudere negoziazioni win win con la massima efficienza! 

Questo articolo è interessante, evidenzia come i metodi di ancoraggio possono funzionare per le aziende Anche la tua!.

9. Il desiderio di velocità

Il neuromarketing è utile per individuare le tendenze dei clienti. Spesso le aziende spesso cercano di mostrare un senso di sicurezza, quando magari ai loro clienti interessa di più la velocità e l’efficienza. PayPal lo ha scoperto conducendo uno studio che ha rilevato che la promessa di praticità ha attivato il cervello più della sicurezza . Hanno usato queste informazioni per convertire più acquirenti al loro servizio di pagamento online, sottolineando la velocità del loro sistema di pagamento

 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING
9° di 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING : la velocità

Se può sembrare che enfatizzare la sicurezza di un prodotto potrà conquisterà i clienti, si può anche pensare di trasmettere un messaggio che sottolinei la velocità ed efficienza del servizio!

10. Rivelare le verità non dette

Durante il test di un nuovo annuncio, Cheetos ha utilizzato focus group ed EEG per valutare la risposta dei consumatori . In questo annuncio, una donna ha giocato uno scherzo alla sua amica. Le ha riempito la lavatrice carica del bianco bucato con Cheetos arancioni.  I gruppi di discussione hanno risposto con un forte senso di antipatia per il video commercial, tuttavia quando è stato condotto lo studio EEG con gli stessi partecipanti, è emersa la verità profonda: quel video gli piaceva davvero! I partecipanti al focus group hanno avuto paura di esprimere il fatto che hanno trovato l’annuncio umoristico, insomma si sono comportati “political correct” con grande ipocrisia verbale per non esser mal giudicati o, perlomeno esser giudicati scortesi dagli altri partecipanti. In questo modo, il neuromarketing può rivelare pensieri e preferenze profondi, veri e nascosti!

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING IN AZIONE

10° dei 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING : scopri le verità non dette.

Le tecniche di neuromarketing possono rivelare verità non dette, nascoste. 

Per leggere di un’altra interessante tecnica in grado di illuminare i nostri processi mentali, controlla lo IAT .

11. Bastone e carota

Anche il design dei videogiochi ha iniziato a utilizzare i principi psicologici nel processo di progettazione del prodotto, in particolare utilizzando premi e punizioni per realizzare giochi coinvolgenti e per far sì che le persone li interpretino . 

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING IN AZIONE

11° dei 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING : non dimenticare mai il piacere dell’esperienza positiva per i tuoi clienti

Aumentando la ricompensa presentata dal gioco, l’azione può anche aumentare i livelli di dopamina (un neurotrasmettitore) all’interno del cervello. Questo neurotrasmettitore è associato al piacere e alle associazioni positive, che possono aumentare l’attaccamento per continuare a giocare.

Creare un’esperienza piacevole per i consumatori per tenerli collegati e fidelizzarli a prodotti e servizi.

I game designer ora stanno assumendo psicologi per aiutare nella progettazione del gioco, costruendo principi psicologici direttamente nelle meccaniche di gioco.

12. Test dei prototipi

Sebbene le pubblicità siano ovviamente di vitale importanza per influenzare il comportamento dei consumatori, anche la progettazione dei prodotti può essere strumentale al successo del prodotto.

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING IN AZIONE

12° dei 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING : se hai un nuovo prodotto, prima di ingegnerizzare la produzione testalo su un campione di potenziali clienti escopri come emozionarli

In un famoso caso di neuromarketing, Hyundai ha utilizzato l’EEG per testare i propri prototipi . Hanno misurato l’attività cerebrale in risposta a diverse caratteristiche del progetto ed hanno esplorato quale tipo di stimolazione avrebbe avuto maggiore probabilità di essere preferita al momento dell’acquisto dell’ auto. I risultati di questo studio hanno portato Hyundai a cambiare il design esterno delle auto stesse!

La crescita del neuromarketing ha la capacità di trasformare il mondo in cui viviamo.

13. Stabilire il giusto prezzo

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING

13° dei 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING : quando scegli il prezzo pensa in termini di impulso/razionalità dell’acquisto

Siamo tutti consapevoli che il prezzo di qualcosa a € 9,99 invece di $ 10 è una tattica pubblicitaria, ma funziona sempre? Una serie di nuove scoperte sta facendo luce su questa secolare domanda . Una nuova affascinante informazione usata dai neuromarcatori è che le cifre tonde hanno maggiori probabilità di funzionare insieme al processo decisionale emotivo, ad esempio per la vendita di una fragranza in profumeria, classico acquisto d’impulso, mentre le figure più complesse funzionano meglio quando il cervello logico è più impegnato, come ad esempio quando è impegnato nella interpretazione di un preventivo complesso . Questo perché numeri complessi rendono più più difficile l’attività razionale del cervello, insinuando che la decisione più logica è di scegliere il prodotto che ha un prezzo più complesso .

Segui l’approccio neuromarketing per impostare il prezzo!

14. Layout del sito web

E qui, anche noi, abbiamo già utilizzato tecniche di neuromarketing . Le abbiamo utilizzate per informare chi ha progettato questo sito WEB. Da schemi di colori, layout, dimensioni dei caratteri e oltre, i neuromarcatori stanno esplorando le preferenze del nostro sito web. Ora ci sono alcune regole salde per quanto riguarda la creazione di siti web. Ad esempio, l’utilizzo di certificazioni, testimonianze e widget sociali attirerà sicuramente più clienti rispetto a quelli che non lo fanno .

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING

14° dei 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING : Chiedi al designer del tuo sito WEB di utilizzare tecniche di neuromarketing 

Un’altra scoperta interessante è che i nuovi layout di sito Web in stile orizzontale sono meno efficaci di quelli tradizionali, verticali . Questo perché leggere le pagine Web dall’alto in basso coinvolge il cervello e rende gli spettatori più propensi a continuare a scorrere.

Usa la scienza per informare il design del tuo sito web. 

Per scoprire altri 15 modi per coinvolgere il traffico Web, dai un’occhiata a questo link .

15. I titoli memorabili

I titoli sono una delle prime cose che lo spettatore vede e devono distinguersi e farsi notare. Di conseguenza sono stati pesantemente testati , con una nuova tecnica di neuromarketing chiamata “titoli di Hippocampal”.  Perché? Cosa significa ? I ricercatori dell’University College di Londra hanno scoperto che quando una frase familiare viene leggermente alterata, il nostro ippocampo viene attivato e la nostra attenzione viene stimolata! Molti blogger hanno utilizzato l’esempio di Patron e il loro slogan di marketing “Practice makes Patron” come questo, ad esempio.

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING

15° dei 15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING : scegli titoli memorabili i

Se sorprendi il cervello, la tua campagna pubblicitaria sarà molto più efficace.

Speriamo che tu abbia apprezzato questi esempi. Se vuoi saperne di più sul neuromarketing e vedere come si può migliorare la tua conoscenza sui temi del neuromarketing, non esitare a metterti in contatto  con noi.

E adesso divertiti!

15 POTENTI ESEMPI DI NEUROMARKETING

The Emotional Test Drive: Measuring Driver Engagement [Video]

NEUROMARKETING. VUOI SAPERE COSA È

Se vuoi sapere come Problem Solving può essere utile per migliorare la tua comunicazione, anche con le nuove metodologie di neuromarketing, adesso che sai che cos’è e ne hai appreso l’abc, entra in contatto con noi, con solo qualche clic. 

Eccellenza competitiva e distintiva

NEUROMARKETING. VUOI SAPERE COSA È

Per tutti i giovani manager, i quadri e chiunque abbia un ruolo di responsabilità all’interno di un’organizzazione, “Eccellenza competitiva e distintiva” rappresenta la guida ideale per posizionare il proprio brand individuale all’interno delle organizzazioni, facilitare le proprie eccellenze comunicazionali finalizzate all’ottenimento di ciò che si vuole: come persona, come team e come organizzazione. Un percorso attraverso il riconoscimento degli aspetti cognitivi delle relazioni, che permette di “volare alti” superando abilmente preconcetti e pregiudizi, focalizzando i messaggi relazionali con un controllo continuo dei feedback verbali e non verbali e, le energie proprie e dei collaboratori sulle priorità delle attività professionali e personali. Apre gli occhi sulle trappole e sugli inganni che il manager affronta nella sua vita quotidiana permettendogli di sviluppare le capacità di separare fatti, opinioni e sentimenti, ottenendo nuove e solide relazioni umane basate sull’etica della fiducia. Prefazione di Paola Lazzarini.

Articolo tratto e liberamente tradotto da /imotions.com.

Photo credit: Kyle Loftu ePhoto by Allef Vinucius

NEUROMARKETING. VUOI SAPERE COSA È ?

Neuromarketing. Vuoi sapere cosa è per poterne parlare con cognizione di causa?

Parlando con colleghi, amici, competitor e clienti ne ho sentite di tutti i colori, e allora ho pensato di descrivere cosa è il neuromarketing, come se avessimo 5 anni.

COME SI PUÒ USARE PER MIGLIORARE I RISULTATI DI COMUNICAZIONE?

In passato, prima del content marketing e social media marketing, il cliente di una agenzia avrebbe potuto aumentare il budget chiedendoci di di acquistare più annunci, sponsorizzare eventi aggiuntivi o lanciare il suo logo su una fiancata di autobus.

Oggi, la più grande sfida è invece quella di ottenere risultati migliori spendendo meno soldi.

Come risolvere questa sfida? Neuromarketing .

Usando le modalità di comunicazione suggerite dal neuromarketing, e sapendo cosa è il neuromarketing, almeno l’abc, si possono ripensare strategie di marketing più intelligenti che possono aumentare l’efficacia degli sforzi.

L’obiettivo è capire come funziona effettivamente il cervello del cliente e quali effetti avrà il marketing sulla popolazione dei consumatori.

Roger Dooley , nel suo libro Brainfluence e scrittore del blog Neuromarketing dal 2005, descrive 100 tattiche per convincere e persuadere. E’ anche qui che ho scoperto l’ABC di cosa è il neuromarketing.

Dooley rimane lontano dal gergo scientifico e si concentra sui consigli pratici che servono ai marketer come noi per far funzionare le loro idee nella varie situazioni di budget ed in quasi tutte le aziende. Siano esse BtoB o BtoC, perché in ogni caso sempre ad esseri umani ci si rivolge.

I consumatori stanno inconsciamente definendo ciò che vogliono, quanto pagheranno e forse anche quali attività promozionali li attirano ogni giorno.

La chiave per ottenere risultati con minori sforzi sta proprio nel capire questo.

Cos’è il Neuromarketing. Se vuoi sapere come funziona.

Esistono due metodi di base per monitorare l’attività cerebrale dei potenziali clienti, ciascuno con i propri pro e contro: la risonanza magnetica funzionale (fMRI) e l’elettroencefalogramma (EEG).

L’utilizzo della fMRI comporta l’uso di un potente magnete per tracciare il flusso sanguigno del cervello mentre i soggetti rispondono a segnali audio e visivi.

Ciò consente agli esaminatori di accedere a una parte profonda del cervello nota come “centro di piacere” e consente agli esperti di marketing di sapere come le persone stanno realmente rispondendo al loro lavoro.

I punti di debolezza della fMRI sono il suo prezzo e il suo disagio. Le apparecchiature sono molto costose da utilizzare (fino a € 1.000 all’ora per macchina) e i soggetti devono giacere completamente fermi su una macchina di grandi dimensioni.

L’elettroencefalogramma, d’altra parte, è molto più economico di fMRI e, utilizzando un cappuccio di elettrodi attaccato al cuoio capelluto del campione, ne consente anche i movimenti.

Questi elettrodi misurano le onde elettriche prodotte dal cervello e consentono ai ricercatori di monitorare le emozioni istintuali ed emotive come rabbia, eccitazione, dolore e lussuria attraverso le fluttuazioni dell’attività cerebrale.

Tuttavia, a differenza della fMRI, l’EEG è più superficiale, non concede l’accesso alle parti profonde del cervello dove si trova il centro del piacere.

Il neuromarketing è in circolazione da circa un decennio e sembra solo crescere in popolarità.

Nonostante gli scettici e gli oppositori, le grandi aziende hanno già iniziato ad utilizzare questa tecnologia per progettare i loro prodotti, imballaggi e campagne pubblicitarie.

Come hanno usato il Neuromarketing i brand negli USA?

Marchi come Campbell’s Soup , Gerber e Frito-Lay hanno usato il neuromarketing per restyling dei loro progetti di packaging.In questi casi, i consumatori sono stati esposti alla confezione di un prodotto pezzo per pezzo e la loro risposta è stata registrata come positiva, neutra o negativa. Queste informazioni sono state quindi utilizzate in concomitanza con un colloquio approfondito per analizzare punti specifici che alla fine hanno portato a cambiamenti di elementi come colore, dimensione del testo e immagini .

Frito-Lay, ad esempio, scoprì che le confezioni opache con le foto delle patate non scatenavano una risposta negativa, mentre le borse lucide con le immagini di patatine su di esse lo facevano. In pochi mesi, sono state progettate nuove confezioni e quelle lucide sono state abbandonate.

In un altro caso, Hyundai ha utilizzato il neuromarketing quando ha fornito trenta cuffie EEG ai partecipanti e ha chiesto loro di esaminare un prototipo di auto per un’ora.

Ultimo, ma non meno importante, PayPal ha scoperto che gli spot incentrati sulla velocità e la convenienza hanno innescato una risposta significativamente più alta rispetto a quella di sicurezza e sicurezza pubblicitaria e hanno sviluppato una campagna pubblicitaria completamente nuova basata sui risultati .

L’abc del neuromarketing per sapere cos’è e come è stato applicato dai grandi brand.

5 modi per utilizzare il neuromarketing oggi

1° Usa caratteri semplici per incoraggiare l’azione

In Brainfluence , uno dei miei capitoli preferiti discute gli esperimenti di marketing condotti per quanto riguarda i caratteri, la lunghezza e persino il peso dei documenti. Per anni, a molti di noi è stato detto di “mantenerlo semplice”, beh, gli esperimenti completati da Hyunjin Song e Norbert Schwarz all’Università del Michigan hanno invece dimostrato che i consumatori possono davvero essere influenzati da caratteri semplici o complessi. “Se devi convincere un cliente, un cliente o un donatore a svolgere un qualche tipo di compito, dovresti descriverlo in un font semplice e facile da leggere”, ci dice Roger Dooley nel suo capitolo “Brainfluence in Print.”

Questo è ovvio per tutto il contenuto relativo al sito Web, inclusi i moduli. Le istruzioni per il riempimento del modulo dovrebbero essere in un font facile da leggere e semplificate il più possibile.

Più è difficile fare qualcosa, maggiore è l’attrito che crea e meno persone saranno disposte ad agire.

2° Fai ricordare ai consumatori i caratteri complessi

Dooley descrive anche la complessità. Semplificando e leggendo facilmente i caratteri è possibile aiutare i consumatori ad agire con le istruzioni mentre, il richiamo della memoria, viene potenziato con un font complesso. Stai attento però! Questo non significa che dovresti usare un font complesso per il tuo logo, numero di telefono o tag line. Usa questa tattica per informazioni importanti solo sulla tua copia web. Un font complesso non sarà solo più memorabile, ma attirerà più attenzione visivamente.

Qui puoi scaricare il pdf del report If It’s Hard to Read, It’s Hard
to Do
di Hyunjin Song e Norbert Schwarz

3° Usa la direzione dello sguardo per dirigere l’attenzione

Se stai usando un’immagine di una persona o anche di un animale, dai un’occhiata ai loro occhi. James Breeze, uno specialista australiano di usabilità citato in Brainfluence di Dooley, ha studiato come le persone vedono le pubblicità con i bambini . Nella sua ricerca, ha scoperto che le persone guardano a ciò che il testimonial sta guardando. Quindi, assicurati di orientare il viso nel tuo annuncio per vedere a cosa vorresti che lo spettatore si concentri.

4° Acquisisci fiducia con i clienti mostrando fiducia

La fiducia è molto importante quando si tratta di ottenere referenze e costruire un business credibile. Se vuoi che i tuoi clienti si fidino davvero di te, devono sentirsi fidati. Ecco alcuni suggerimenti rapidi di Brainfluence su come puoi dimostrare la fiducia con i tuoi clienti: Offri una prova con poche restrizioni
Stabilire credito senza lunghe forme o un lungo processo di selezione – Fornire informazioni riservate senza che un potenziale cliente o cliente firmi una NDA

5° Un sorriso va molto lontano

Molti marketer si affidano alla fotografia d’archivio per “personalizzare” il loro sito web. Lo facciamo anche noi! Questo potrebbe essere un modo rapido per mostrare personalità e “umanizzare” il marchio, ma cosa dovrebbe essere considerato quando si seleziona l’opzione migliore? Scegli la foto sorridente di una donna o di uomo che però rappresenti una personalità professionale. Gli studi dimostrano dalle ricerche di mercato che l’immagine di “miglioramento dell’umore” può influenzare la volontà di spesa dei clienti.

Pensieri finali su cosa è l’abc del neuromarketing adesso che anche tu che lo vuoi sapere lo sai

Rompere il disordine ha dimostrato di essere un compito sempre più difficile al giorno d’oggi e gli operatori di marketing come noi sono sempre alla ricerca di vantaggi competitivi. Comprendere le radici più basilari delle emozioni umane è vitale per comprendere il comportamento di acquisto di un consumatore. La bellezza del neuromarketing è la sua capacità di integrarsi nelle strategie di marketing, sia nelle strategie di sell in, sia nelle strategie di sell out.

E’ come offrire una bevanda calda e fare accomodare il cliente su una comoda morbida sedia, durante una negoziazione di vendita.

Queste sono tutte tattiche alle quali il nostro cervello risponde inconsciamente.

La consapevolezza delle tattiche di marketing che potrebbero influire sui tuoi sforzi sarà il modo migliore per ottenere risultati migliori. E con meno soldi!

Se volevi sapere cosa è il neuromarketing, è tutto qui, spero tu abbia compreso cosa sia.

NEUROMARKETING. VUOI SAPERE COSA È

Se vuoi sapere come Problem Solving può essere utile per migliorare la tua comunicazione, anche con le nuove metodologie di neuromarketing, adesso che sai che cos’è e ne hai appreso l’abc, entra in contatto con noi, con solo qualche clic.

Eccellenza competitiva e distintiva

NEUROMARKETING. VUOI SAPERE COSA È

Per tutti i giovani manager, i quadri e chiunque abbia un ruolo di responsabilità all’interno di un’organizzazione, “Eccellenza competitiva e distintiva” rappresenta la guida ideale per posizionare il proprio brand individuale all’interno delle organizzazioni, facilitare le proprie eccellenze comunicazionali finalizzate all’ottenimento di ciò che si vuole: come persona, come team e come organizzazione. Un percorso attraverso il riconoscimento degli aspetti cognitivi delle relazioni, che permette di “volare alti” superando abilmente preconcetti e pregiudizi, focalizzando i messaggi relazionali con un controllo continuo dei feedback verbali e non verbali e, le energie proprie e dei collaboratori sulle priorità delle attività professionali e personali. Apre gli occhi sulle trappole e sugli inganni che il manager affronta nella sua vita quotidiana permettendogli di sviluppare le capacità di separare fatti, opinioni e sentimenti, ottenendo nuove e solide relazioni umane basate sull’etica della fiducia. Prefazione di Paola Lazzarini.

Photo credit: Kyle Loftu

come emozionare il marketing business to business

Si può emozionare il marketing BtoB? Magari col metodo problem solving ?

Anche nel marketing B2B le emozioni contano.

Molto di più di quanto si possa immaginare.

Ma come si possono comunicare emozioni, come si può emozionare il marketing btob? Come si possono affrontare i valori personali ? Come si può riuscire a passare dalla promozione all’emozione e creare una forte connssione tra i clienti B2B ed il brand?

La  ricerca di Motista e ThinkGoogle evidenziano con chiarezza come i brand B2B abbiano relazioni molto più emotive con i loro clienti rispetto ai brand B2C.

COME EMOZIONARE IL MARKETING

valore aziendale percepito, per accordo sulla media del marchio .  D,  “questo marchio ci aiuterà a raggiungere gli obiettivi aziendali”
COME EMOZIONARE IL MARKETING

Percezione di “Vantaggi unici” dei clienti del fornitore  D: “Vedi una vera differenza tra i fornitori e apprezzi questa differenza abbastanza da pagarla?”

La ricerca, che ha coinvolto oltre 3.000 marche, mostra che tra i marchi B2B, circa il 50% delle relazioni tra fornitore cliente sono caratterizzate da connessioni emotive mentre tra i brand B2C le relazioni emozionalmente coinvolgenti con solo il 14%

Per distinguersi, i marketer B2B possono creare entusiasmo.

Come? Costruendo connessioni emotive con i propri clienti, che possono generare importanti risultati di acquisto come l’intenzione di acquisto e il potere di determinazione dei prezzi. 

Gli acquirenti B2B hanno quasi il 50% in più di probabilità di acquistare un prodotto o un servizio quando percepiscono un valore personale come, ad esempio, l’opportunità per avanzamento di carriera oppure la crescita di fiducia e orgoglio che deriva dalle loro scelte, dalle loro decisioni di acquisto per il business della loro impresa. 

Dalla ricerca emerge che un cliente coinvolto emotivamente è 8 volte più propenso a pagare un prezzo più alto per prodotti e servizi comparabili quando ne percepisce un valore personale.

Se il tuo mercato è BtoB, le tue vendite sono comunque persona a persona.

Immagina un acquisto su amazon, l’attenzione è prevalentemente focalizzata sul pricing. Quando si atterra su un e-commerce prevale l’aspetto razionale. L’aspetto emozionale è prevalente nel momento della ricerca delle soluzioni ai propri bisogni, quando si esplorano i siti dei brand

COME EMOZIONARE IL MARKETING

Ci piace pensare alle organizzazioni come razionali e logiche. La verità è che dentro ogni impresa lavorano delle persone, come te che stai leggendo questo articolo.

Siamo tutti influenzati dalle emozioni e tuoi clienti stanno pensando di fare un acquisto razionale, ma la scelta è sempre influenzata da ciò che stanno provando. Stai comunicando fiducia o stai solo descrivendo le caratteristiche dei prodotti o dei servizi che vuoi vendere?

Come possiamo emozionare le strategie marketing per emozionare il cliente?

Se nel mondo BtoC il marketing si impegna nell’emozionare il brand nel mondo BtoB la strategia di marketing può caricare di valore la relazione col cliente, creando l’intenzione di acquisto, la forza dei valore che diminuisce la percezione del prezzo, difendendo il marchio del cliente e, soprattutto, la soddisfazione dei suoi clienti.

Quindi, come si fa ad emozionare quando si vuole vendere un servizio? Un software gestionale? Prenotare una riparazione di un auto? Forniture di carta e altri prodotti e servizi che non sono noti per creare un mood caldo ed empatico?

Come emozionare il marketing? In realtà è davvero semplice:

basta eccitare il cliente per ciò che conta davvero per lui!
COME EMOZIONARE IL MARKETING

Auto-realizzazione.

Ti ricordi Maslow?  L’apice della piramide, auto realizzazione?  Bene, che ci arriviamo o no, aspiriamo tutti ad arrivare lì. In un modo o nell’altro. Nel nostro profondo, aspiriamo tutti a ottenere qualcosa di più. Più di quanto molti pensino di poter fare. Più importante della quotidiana routine.

COME EMOZIONARE IL MARKETING

Chi vorresti essere tu? Cosa vorrebbero essere i tuoi clienti? Un prossimo grande scrittore.  Un artista. Un attore, o un regista? Un  cantante rap. Un comico. Oppure un manager di alto livello?

Pensiamo a queste sogni, magari abbiamo anche un progetto nel cassetto, da aprire quando l’occasione ne offrirà l’opportunità, e poi, torniamo al qui ed ora!

Quindi conviene cercare di essere il meglio che possiamo essere in ciò che stiamo facendo, giorno per giorno. 

Concentrarsi meglio sul meglio di ciò che si sta facendo

Se per Revlon “si producono cosmetici, ma si vendono speranze”  anche per te che stai cercando di vendere il tuo servizio legale, stai producendo pratiche, ma in realtà il tuo cliente desidera acquistare la ragione verso il proprio avversario.

E qui Problem Solving sa come emozionare il marketing BtoB . Ci mettiamo in gioco, ci concentriamo su come trasformare la tua offerta tangibile, in forte desiderio intangibile per il tuo cliente ideale.

Se siamo in grado di fornire ai clienti e ai potenziali clienti la speranza che possiamo aiutarli ad avere successo nel lavoro, ottenere una promozione, mantenere la stabilità per provvedere alle loro famiglie, raggiungere i loro obiettivi a breve e lungo termine, cattureremo la loro attenzione.

Il marketing BtoB si può emozionare. Pensando come partner e non come fornitori.

E se possiamo fornire più della speranza, come un consiglio attuabile che li aiuti a perfezionare le loro abilità, fare qualcosa di meglio di prima, scateneremo quella risposta molto importante – la dopamina precipita – che crea legami emotivi e passione che sarà difficile per chiunque rompere.

Come facciamo a farlo?  Chiedendolo ai tuoi clienti.

Ci impegniamo nel creare la storia che lega la tua impresa ai tuoi clienti

Vogliamo superare questa sfida. Possiamo creare legami emotivi molto più forti del prezzo e, in una certa misura. persino della convenienza .

E’ questa distinzione che riesce a creare quel legame competitivo che assicura il ROI di medio termine nel life time value del cliente

Vuoi emozionare le tue campagne? Chiedici come possiamo aiutarti. Qualche clic e saprai come…

problem solving comunicazione digitale

La strategia dei media digitali come punto di partenza

Cosa può fare Problem Solving per affiancarti nella comunicazione digitale in modo differente dai grandi centri media? Le agenzie media tendono a gestire la strategia,l’esecuzione e le diverse azioni della comunicazione digitale con le stesse modalità della comunicazione tradizionale.

Lo scenario digitale è in rapida evoluzione: i contenuti su misura e le esperienze digitali stanno diventando sempre più importanti per i marchi che desiderano impegnarsi in un WEB sempre più affollato.

Per questo motivo diversi clienti decidono di di spostarsi verso consulenti diretti per ottenere un servizio di consulenza su misura con l’idea e l’aspettativa di un approccio più olistico ai media digitali.

In tutto il mondo il processo di rebranding risponde a questa esigenza con un ripensamento completo del Digital WEB Marketing.

Problem Solving offre ai propri clienti l’opportunità di applicare questo cambiamento attraverso la gestione dei punti di contatto multimediali digitali :

Consulenze WEB oltre al marketing e comunicazione tradizionale

Strategie marketing Social e Social Marketing
Sito WEB email e ricerca, i 3 i pilastri del digitale.
Campagne programmatic ADV sempre misurabilmente performanti.

La progettazione della strategia di media digitali come approccio consulenziale

Ormai, oggi, ogni singolo utente di Internet, può essere intercettato, taggato e coinvolto con un messaggio e un contenuto preciso, coerente con le sue aspettative. Non basta essere dei bravi tecnici digitali perché, per ottenere risultati, perseguire obiettivi sfidanti e raggiungibili, occorrono solide basi di marketing strategico ed operativo.

La visione olistica Problem Solving.

Sito. Ce l’hai? E’ mobile friendly? La sua architettura è conforme alle richieste dei motori di ricerca? L’architettura del sito è il pilastro delle ricerche organiche

Seo. Non è solo una questione di parole chiave, E’ una questione di focus di marketing sul tuo business,

Serp . E’ una conseguenza del focus sul posizionamento del business

Pagine web? Sono tutte landing? O sono solo autoreferenziali?

Creazione di traffico: campagne google adword, verifiche adsense, programmatic adv targetizzate nel tempo, nello spazio geografico, verso stili di vita, interessi, attitudini di esposizione ai media, blog, testate on-line specializzate,

Engagement  Il traffico sul sito, da solo non basta. Occorre coinvolgere il pubblico che si desidera trasformare in cliente. E qui lavorano tutte le leve del marketing mix: prodotto o servizio erogato, il suo prezzo, le metodologie di consegna, e la percezione del valore che ha prodotto tutta la campagna di comunicazione. Più è alto il valore percepito, meno il prezzo assume importanza.

Conversioni Sono l’obiettivo più importante! Qui ci misuriamo col nostro cliente. Rappresentano il risultato dei nostri sforzi di canalizzazione del pubblico verso il comportamento d’acquisto.

Fidelizzazione Gartner mette in guardia : “I responsabili delle vendite devono riorientare gli account manager verso strategie di “miglioramento del cliente” focalizzate sulle esigenze future degli acquirenti. ”   Una performance superiore alla media nel miglioramento del cliente può aumentare la probabilità di una ritenzione del 94%. Quindi coccoliamo i lead dei clienti.

Quindi, se pensi che per entrare nell’era digitale sia sufficiente un semplice sito web e non una progettazione problem solving della strategia di marketing stai solo sprecando risorse finché non sarai in grado di trasformare il tuo sito web in un vero e proprio asset imprenditoriale.

Consulenza Problem Solving: verso la trasformazione digitale

Stiamo già vivendo l’era digitale? Hai più connessioni, amicizie virtuali o relazioni reali? Allora è meglio affrontare i processi interni del cliente che ha connessioni e amicizie virtuali per trasformare la relazione con te, con la tua impresa, in relazioni e transazioni concrete ed oggettive.

Integrazione come meta

Hai un Data Base Customer Relationship Management?

Se sì, well done! Se no possiamo affiancarti nell’implementazione di un CRM che raccoglierà tutti le interazioni tra il WEB, il tuo sito, le tue comunicazioni le tue vendite e la fidelizzazione dei tuoi clienti.

Tutta la supply chain delle vendite, dal primo engagement al tuo sito alla erogazione del servizio o vendita dei prodotti.
Se riesci ad integrare questi dati in unico database CRM puoi entrare con Problem Solving nell’era dalla comunicazione digitale.

PROBLEM SOLVING COMUNICAZIONE DIGITALE

Solo integrando integrando tutti i dati in entrata ed in uscita con i tuoi processi organizzativi potrai affermare di essere entrato nell’era della comunicazione digitale. Possiamo aiutarti concretamente in tutte le fasi di questo ambizioso progetto.

Un website è solo la punta dell’iceberg dal processo problem solving di comunicazione digitale integrato.

Pensa alla meta. Un cruscotto aziendale con il quale tenere sotto controllo tutte le relazioni con tutti i tuoi clienti, attivi, fidelizzati, potenziali, con una catalogazione conforme alle nuove normative del GDPR e integrati nel CMS che faciliterà tutte le tattiche di marketing operativo digitale future, permettendoti di elaborare le richieste dei clienti per integrarle automaticamente e condividerle la tua forza vendita.

In sintesi che benefici puoi ottenere da una consulenza Problem Solving dedicata alla comunicazione digitale?

Grazie all’integrazione completa di contenuti / risorse Ottimizzazione delle campagne, dal sito Web che diventa il punto di raccolta di ogni campagna promozionale e non solo una semplice vetrina virtuale .

Ottimizzazione dei processi, grazie allo scambio automatico di dati tra pubblici frontend e risorse backend della tua impresa.

Ottimizzazione delle risorse, perché avrai realizzato il tuo media ideale .

Come diceva una saggia persona come il mio nonno, chi più spende, meno spende e, con una consulenza Problem Solving, dedicata alla tua comunicazione digitale puoi anche risparmiare da subito.

PROBLEM SOLVING COMUNICAZIONE DIGITALE

Chiedici una prima consulenza gratuita e toccherai con mano la concreta differenza. Bastano un paio di clic.

Photo credit: Eric Ward

social web positioning distintivo

Il posizionamento dell’impresa nel mondo social o web social positioning è strettamente collegato ai messaggi che si diffondono nel WEB

social web positioning
Una strategia di web social positioning è indispensabile per uscire dal caos della non comunicazione dei social!
Photo credit: ian-dooley

Un piano editoriale distintivo per un social web positioning di valore

I post sono il carburante degli sforzi di marketing.

Con un buon piano editoriale e una corretta programmazione di post ed articoli nel luogo giusto e nel posto giusto si ottiene il social web positioning ideale per creare valore all’impresa ed uscire dal caos della non informazione presente oggi nel web.

Sapersi distinguere così dall’offerta dei competitor aiuta i tuoi clienti a capire l’unicità del valore che stai offrendo loro.

Cosa possiamo fare per te

Problem Solving può essere al tuo fianco per creare un web social positioning potente ed efficace per prodotti e servizi B2B.

Dalla identificazione del target di persone interessate al valore che può offrire la tua impresa alla esplorazione delle differenze tra le caratteristiche, le utilità ed i benefici che la tua impresa e i tuoi prodotti, i tuoi servizi possono offrire ai clienti che le stanno cercando.

Perché, con un piano editoriale finalizzato ad un posizionamento
dedicato e personalizzato, distintivo, possiamo aiutarti a creare e comunicare il valore che sai esprimere nelle modalità più efficacemente misurabili per conquistare i tuoi clienti e far crescere i tuoi profitti

Poi, possiamo fornirti tutti i suggerimenti per coinvolgere il resto della tua squadra di marketing e comunicazione per allinearne gli sforzi nel raggiungimento dei tuoi obiettivi di marketing, perché da soli non si va mai tanto avanti.

In sintesi, il processo di social web positioning che eroghiamo:

Social web positioning
Sei interessato a un piano editoriale distintivo per il posizionamento nella mente dei tuoi clienti e potenziali clienti ? Bastano un paio di clic!

Dove e quando pubblicare la storia di un brand?

Le storie vanno servite nei momenti e nei luoghi che contano.

La domanda è quindi questa: dove e quando pubblicare le storie dei nostri clienti? Quando nelle persone sorge la percezione di un bisogno si aprono al mondo esterno e sono più ricettive agli stimoli esterni perché stanno cercando contenuti che possano aiutarli e la loro attenzione è molto meno selettiva

Come avrai già capito siamo molto curiosi, quindi ci poniamo altre domande:
In questo momento chi sta chiedendo, cosa sta chiedendo? Dove sta chiedendo? Cosa sta già trovando?

DOVE E QUANDO PUBBLICARE

Il vostro brand è già ritrovato? fa parte dei risultati? Oppure,c’è già qualche altro brando che sta già rispondendo a loro? In che modo lo fa? Che valori propone? Cosa succede poi? Dove e quando è meglio pubblicare gli aneddoti e le narrazioni che renderanno grande ed avvincente la tua storia?

Questi sono i momenti che contano e accadono ogni momento di ogni giorno.

Servono come guida per aiutarci a sviluppare
strategie di storytelling ricche di di contenuti proattivi
utili e coinvolgenti, e strategie di distribuzione per raggiungerli nei
momenti e luoghi che contano.

Il tuo premio? Una bella dose di reciprocità.

ROI come Ritorno sull’Innovazione

Il ROI è imprescindibile, ovvio, è la cosa più importante che cerchiamo per i nostri clienti.
Misuriamo, misuriamo, misuriamo i KPI che connettono le azioni
con il business del nostro cliente, è naturale!

Teniamo anche conto dell’impatto fatto sui ruoli e sulle vite delle persone che stiamo provando a raggiungere. Ciò significa che vogliamo sapere cosa sta accadendo in loro. Saranno i tuoi clienti che ci suggeriranno dove e quando pubblicare gli aneddoti e le narrazioni della tua storia.

Ci chiediamo sempre:

  1. Quanto è significativa la storia per i clienti, i nostri eroi?
  2. È utile per loro?
  3. Sta erogando valore per il tuo brand?
    Misuriamo le cose che contano per loro e alla vostra
    attività in ogni fase del percorso.

E siamo arrivati alla fine. Ma è proprio la fine?

Ti sei accorto di cosa abbiamo fatto finora?

Siamo partiti da qui : storytelling di marketing, poi qua,   perché la fiducia è come una moneta, più alta è la fiducia,  più alto è il valore che si comunica, e siamo arrivati alla fine della nostra breve storia.

Con questi tre articoli, abbiamo cercato di poter dimostrare il valore che può offrire una storia per la tua marca. Per poterla trasformarla in un brandi valore.
I tuoi clienti sono esseri umani, come te, come noi e siamo tutti quanti incredibilmente connessi.
Tutti abbiamo i nostri ritmi, scadenze, richieste e sempre troppo poco tempo.

Ma abbiamo anche tanti bisogni, necessità, esigenze , tante domande e avremo sempre la necessità di esser guidati.
Lo storytelling è il nuovo paradigma, la nuova, rilevante, pertinenza, il nuovo virale.

Come i clienti, tuoi e nostri, se vorrai far parte della nostra tribù anche i cantastorie sono umani come te e potremo diventare il tuo narratore digitale per aiutare i tuoi clienti. a farli diventare gli eroi del loro viaggio e, nel mentre potrai esser l’eroe del tuo viaggio nel tu business

E’ questa la fine dela nostra storia? … oppure no…? Dipende solo da te. Keep in touch!

DOVE E QUANDO PUBBLICARE
Keep in touch, chiedici cosa possiamo fare per creare la storia di successo per la tua attività on line.

Oppure lascia un commento, fai qualsiasi domanda, ti risponderemo entro 24 ore. La tua opinione è importante per noi!

La fiducia è moneta.

La fiducia è moneta. La cerchiamo. La guadagniamo. La spendiamo.

Come può uno storyboard aiutare i narratori a creare storie importanti? Come può aiutare a creare la fiducia del brand che diventa la moneta che stiamo cercando, che guadagniamo e che, poi spendiamo?

LA FIDUCIA È MONETA.
LA FIDUCIA È MONETA. Sei in grado di creare una storia che crea fiducia?
Photo credit: Christopher Campbell 

Per sviluppare il suo primo film di animazione Biancaneve, nei primi anni ’30, Walt Disney inventò la tecnica dello storyboard.

Lo storyboard gioca un ruolo fondamentale per sviluppare, per
rendere precisi i caratteri, la credibilità e, in generale, lo scopo e la risonanza di ogni grande storia.

Uno storyboard è un processo formale indispensabile per riuscire ad avvicinarsi al proprio pubblico, per conoscere le persone che vogliamo coinvolgere, prima di coinvolgerle.

E un grande contenuto inizia sempre con storie fantastiche e grandiose e ogni storia inizia con una riflessione profonda e un intento strategico.

Puoi già immaginare il tuo pubblico come un eroe all’interno di un viaggio da eroe. Iniziamo sempre con il cliente al centro di
qualunque cosa.

Nel suo libro, The Hero with A Thousand Faces, L’uomo dai mille volti, Joseph Campbell ci ha presentato  Il viaggio di un eroe.

E voi conoscerete già tanti viaggi di eroi:
Star Wars, Il mago di Oz, The Matrix per non citare Harry Potter.
Ci piace adattare il viaggio dell’eroe ai tuoi clienti.

L’eroe è il tuo cliente.

Immagina il viaggio del tuo cliente e come vive ogni giorno.
Quali sfide affronta? Cosa chiede? Dove trova le risposte?
Come puoi aiutarlo a diventare l’eroe nella sua storia?
Usiamo queste risposte per ispirare le tue storie.

Il pubblico ha il controllo delle proprie esperienze
che accadono con o senza di te.

Le storie più coinvolgenti sono influenti.

Lasciano un impatto e incitano all’azione.
Attraverso un buon storyboard, Airbnb ha appreso
le esigenze individuali, le aspettative e
aspirazioni del suo pubblico (ospiti e ospitanti).

Per arrivarci, noi marketer insieme ai narratori
non ci fermiamo solo a conoscere l’eroe dei nostri clienti ,
ma vogliamo anche capire cosa amano, quali siano i loro
bisogni espressi e latenti, ricerchiamo, ciò che ha valore per loro e quali siano i loro processi decisionali

Ci sono sei tendenze comportamentali del cliente che noi marketer teniamo sempre presenti.

  1. Se non diversamente progettato, ogni contenuto è momentaneo
  2. Ogni oggetto può e sarà ricercato.
  3. I clienti connessi hanno grandi aspettative.
  4. L’impazienza oggi può essere una virtù.
  5. I clienti si aspettano che le aziende li conoscano e
    personalizzino comunicazione.
  6. Le persone ora si aspettano una serie di rapidi,
    passi intuitivi , integrati, verso il risultato che hanno previsto.

Alcuni dati

Le ricerche da dispositivo mobile per il “miglior spazzolino da denti” sono cresciute oltre il 100% negli ultimi due anni.
Per gli ombrelli (+ 140% in 2 anni). Per le tende da doccia (+ 120%)

Che si tratti di B2B o B2C, le persone cercano informazioni, approfondimenti e esperienze tra pari.

Google ci ha insegnato che, in quelli che chiama micro-momenti, il 90% degli utenti di smartphone, non è assolutamente certo
del marchio specifico che desidera comprare quando inizia
a cercare informazioni online.

Il 73% dichiara che le informazioni da un’azienda sono gli attributi più importanti per selezionare una brand.

Secondo Nielsen, l’83% dei consumatori si fida delle raccomandazioni ricevute da parte di persone che conoscono e il 66% si fidano delle opinioni pubblicate online da altri consumatori .

La fiducia è moneta. La cerchiamo. La guadagniamo.
La spendiamo.

LA FIDUCIA È MONETA
Contattaci per una consulenza di valore. Basta un clic

Puoi anche lasciare un commento, o un richiesta e ti risponderemo entro 24 ore.

Storytelling di Marketing.

Anche il tuo pubblico ha un’audience.
Vogliamo comunicare con loro e, soprattutto, attraverso di loro con uno Storytelling di Marketing.

STORYTELLIG DI MARKETING

Perché in tutti i social media convivono reti di audience autonome.

Cosa ti è più utile uno storytelling di marketing o un marketing con uno storytellyng? Chiunque può creare contenuti che catturino l’attenzione delle persone, ma non tutti sanno affascinare e spingere all’azione.

Ognuno nella rete ha una propria audience, comunicare a Franco significa comunicare anche alla sua audience.

La sfida è quella di coinvolgere l’audience del tuo pubblico.

Storie importanti comunicano con le persone e, soprattutto attraverso le audience delle le persone. Problem Solving accetta questa sfida, per i suoi clienti vuole andare oltre il concetto di target group, per connetterci con i protocolli Open Graph, usato in modo massiccio da Facebook e da altri social.

Il fulcro del nostro lavoro si sposta verso il storytelling di marketing, dalle impression alle espressioni per poter offrire un valore ai nostri clienti che sia trasmesso alle loro reti:

Con l’ informazione si crea valore.
Con la rilevanza si crea il nuovo virale.
L’utilità diventa esperienza.

L’obiettivo ambizioso è quello di riuscire a comunicare con e attraverso le audience delle persone e creare una comunità di fan dei nostri clienti.

La sfida è creare una storia coinvolgente, pertinente, utile, credibile, desiderabilmente aspirazionale e legittimamente coerente con gli obiettivi di marketing del nostro cliente..

Bene, lascia che ti racconti una storia …

C’era una volta un giovane e brillante cantastorie che
desiderava affascinare i cuori e le menti di tutti.
Ma, ahimè, questo aspirante narratore,
come tanti altri speranzosi chansonnier fu accolto
con grande resistenza.
Il pubblico era già stanco, e esaurito perché aveva già visto e sentito molti altri famosi cantori, cantambanchi, canterini, giullari e menestrelli. Gli avevano rovinato la scena.

È qui che inizia la nostra storia.

Il mondo non potrà essere veramente incantato fino a che non incontrerà una nuova storia ed un modo nuovo di raccontarla
E c’è sempre la speranza in un nuovo inizio.

Ricordiamoci sempre che possiamo essere coloro che possono illuminare il mondo con la luce del sole.

Fonte: Biancaneve

Una buona storia è personale.
Le buone storie accendono l’ immaginazione.

TED, il fornitore di idee che valgono , crede che le storie affermino chi siamo e ci permettono di sperimentare, di percepire le somiglianze
tra noi e gli altri, siano essi reali o immaginati.

Le storie ci aiutano a dare un senso alle nostre vite.
Non esiste uno standard per la narrazione.

Ma, ci sono pilastri comuni per costruire storie di successo

Le grandi storie hanno il potere di trasformare le nostre percezioni del mondo e la nostra posizione al suo interno.
Iniziamo dalle basi.
Spesso, i marketer fanno confusione e non conoscono ancora la differenza tra una narrazione e una storia, una storia e un aneddoto.

Queste sfumature contano se si è interessati al pubblico che si desidera coinvolgere, alle loro esperienze e a cosa stanno vivendo in quel momento.

Preferite una storia da vendere o una storia da raccontare?

La storia è un resoconto strutturato di persone immaginarie o reali e
eventi.

Include un’impostazione, una trama, personaggi e una sequenza di eventi.
La narrativa è una sequenza di eventi, organizzata in una storia.

È la scelta di quali eventi e in quale ordine metterli in relazione,
piuttosto che la storia stessa che crea valore.
Gli aneddoti illustrano un punto.
Possono essere momenti, incidenti o lezioni divertenti, stimolanti, che cambiano la vita, a volta anche tragicamente.

STORYTELLIG DI MARKETING
Una storia di valore si appoggia sempre sui suoi due pilastri fondamentali: le narrazioni e gli aneddoti. Senza aneddoti e senza narrazioni, non c’è storia che tenga!

Siamo estremamente consapevoli che una campagna di marketing è esattamente l’opposto di una parabola narrativa tradizionale.

Hai mai osservato le parabole contenute nelle grandi storie?
Seguono tutte la stessa sceneggiatura di base:

  • All’inizio, la storia inizia e si costruisce con un protagonista che vuol raggiungere un suo obiettivo.
  • Dopo un po’ di tempo, al centro della storia, la storia si appiattisce un po,’
  • poi arriva il climax avverso all’obiettivo.
  • Verso la fine c’è il successo o il fallimento e finalmente
    una risoluzione finale, nel bene o anche nel male.

Commedia o tragedia gli antichi greci ci hanno insegnato tutto.

Le parabole delle campagne di semplice e gelido marketing sono invece quasi l’opposto di questa:

  • Budget.
  • Creativo.
  • Approvazione.
  • Realizzazione.
  • Poi c’è il lancio!
    GUARDA QUI! HEEEEEEYYYYYYYYYYY!
    GUARDA !!!
    “e poi…
  • …fine, fatto… “quando le risorse, il budget si esauriscono, fine dei giochi.

Non è una gran parabola quella del marketing di pura pubblicità!

Meglio una strategia con uno Storytelling di Marketing che invece di finire a fine di un grande budget cresce nel tempo con piccoli budget.

Vuoi sapere come possiamo creare una storia di valore per il tuo brand, ricca aneddoti utili, con una narrazione ricca di informazioni?
Uno Storytelling di Marketing.?


Contattaci per una consulenza di valore. Basta un clic

Oppure lascia un commento, facci qualsiasi domanda, ti risponderemo entro 24 ore.

marketing per il content marketing BtoB?

Ironia della sorte, il content marketing rischia di diventare un filtro di marketing, come se fosse una bolla all’interno della strategia di marketing.

Molti concetti che leggiamo, che sentiamo dire alle convention alle quali partecipiamo, ciò che osserviamo sia nel mondo virtuale del WEB, sia nella nostra vita reale, è celebrato online e cerchiamo di condensarlo nel nostro lavoro

Molto di tutto ciò è senz’altro degno di attenzione, ma quale relazione c’è tra il brand del nostro cliente e tutto ciò che si vede, si sente, si legge?
Poca.

La relazione tra brand e pubblico è tutta da costruire. E’ unica.

Almeno così dovrebbe essere.

STRATEGIE DI MARKETING PER IL CONTENT MARKETING

La cosa migliore che possiamo fare è ascoltare il mercato del nostro cliente, cosa dicono le persone di quel brand, cosa dicono i competitor, come viene vissuto il prodotto, il servizio dei nostri clienti.

Seguiamo una regola aurea della customer satisfaction:

Non chiedere mai direttamente cosa pensano i tuoi clienti dei nostri prodotti, fallo chiedere a qualche altra persona, magari già in empatia col cliente.

Non c’è nulla di meglio! Ci fa sapere di più su come aver successo. Ci piace imparare dalle persone che ritengono importante il prodotto o il servizio che vogliamo valorizzare.

Troppo spesso, il content marketing non riguarda il pubblico, ma riguarda il cliente.

Come consulenti marketing, nella nostra esperienza abbbiamo notato che molto spesso i contenuti delle campagne non sono stati creati per il pubblico che si vuole coinvolgere, ma per le persone che approvano il lavoro dei creativi.

Avversione al rischio, regolamenti, conformità alle linee corporate, e aspetti legali frenano, vincolano la creatività.

Non è un marchio, non è questo il messaggio!
Non possiamo dirlo! Non verrà mai approvato!
Abbiamo ascoltato infinite pretesti per non innovare a partire da si è fatto sempre così!

Conoscendo il mercato B2B, dopo aver viaggiato un po’ per tutto il mondo, ed aver conosciuto buyer e key account, cosa abbiamo scoperto?

Abbiamo scoperto che, guarda il caso, anche loro sono persone e che, tutto sommato, il loro comportamento d’acquisto è molto simile a quello dei consumatori.

Era solo una sensazione esperienziale, quindi soggettiva, ma poi abbiamo letto una ricerca, pubblicata da Gartner, scaricabile qui : l’80% degli buyer B2B si aspetta la stessa esperienza d’acquisto dei clienti B2C!

I clienti B2B si aspettano lo stesse esperienze personalizzate e trasparenti, cross-channel e cross-device dei consumatori.

MARKETING PER IL CONTENT MARKETING

Ci siamo quindi fatti una domanda.

Come vivono il processo d’acquisto i buyer BtoB?

La risposta è in questa mappa, una infografica un po’ complessa, ma che corrobora e rinforza le nostre opinioni sul comportamento d’acquisto dei buyer BtoB

MARKETING PER IL CONTENT MARKETING
L’a grafica pubblicata, da Forrester e Analyst Lori Wizdo  è molto complessa.
La ragione di questa complessità è dovuta al fatto che esiste una consapevolezza che gli acquirenti, in tutti i settori e mercati sono unici.
Secondo l’articolo di cui è stata tratta questa immagine, “… esperti di marketing sanno che è irresponsabile costruire la propria strategia di coinvolgimento dei clienti sulle tendenze aggregate. Il comportamento e le inclinazione di ogni singolo cliente potrebbero essere molto diversi da quelli medi. “

Se sei un imprenditore B2B, la domanda più importante per te è:

Sei al passo con i tuoi clienti?

Saper fornire ciò che i clienti desiderano inizia con la costruzione di un sistema di relazioni continuative back-end in grado di soddisfare le mutevoli dinamiche dei buyer BtoB.

Il 74% dei buyer fa più della metà delle proprie ricerca online!

Questo il momento di rompere con gli schemi passati!

I vostri clienti hanno bisogno di voi.
Abbiamo le idee chiare per aiutarvi nella sfida del marketing per il content marketing BtoB.
MARKETING PER IL CONTENT MARKETING
Contattaci per una consulenza di valore. Basta un clic

Contattaci per maggiori dettagli, saremo lieti di ascoltare ciò possiamo fare per te.

Lascia una richiesta nei commenti.

Entro 24 ore avrai la nostra risposta.